Tragedia a Genova, crolla il ponte dell’autostrada A10: molte le vittime

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
13
Stampa
Ponte Morandi, il ponte dell’autostrada A10 che collega Genova al suo ponente cittadino e poi a Savona e Ventimiglia è crollato questa mattina. Un tratto del viadotto sospeso a diverse decine di metri si è abbattutto per un cedimento strutturale sull’abitato sottostante. Secondo la Protezione civile al momento del crollo del ponte erano in transito sulla struttura una trentina di veicoli e tre mezzi pesanti. Quattro le persone estratte vive da sotto le macerie. La prima certificazione ufficiale parla di 22 morti, tra i quali un bambino,14 feriti, di cui 5 in codice rosso e 4 in codice giallo, e dieci dispersi.

“Temiamo che il numero delle vittime e dei feriti sia destinato ad aumentare perché sono ancora in corso le operazioni di rimozione dei detriti della parte del ponte caduto”, ha detto il capo del dipartimento della Protezione civile Angelo Borrelli. Non sarebbero coinvolte persone nelle case o in transito sotto la struttura, ma solo gli occupanti dei veicoli caduti. Il ministro degli Interni Matteo Salvini parla di “almeno una trentina di morti accertati”.

Il 118 ha dirottato tutte le ambulanze disponibili. “La dimensione è epocale, decine di morti tra chi è precipitato dal viadotto chi è rimasto incastrato sotto le macerie. I vigili del fuoco insieme ai sanitari stanno tirando fuori i pazienti, qualcuno è già arrivato negli ospedali di Genova. Abbiamo l’appoggio pieno di Lombardia e Piemonte, tutti gli ospedali sono a disposizione. Siamo lavorando ma in questo momento non abbiamo ancora la dimensione piena del problema”. Lo ha detto Francesco Bermano, direttore del 118 di Genova.

Durante i soccorsi una fuga di gas ha obbligato i vigili del fuoco ad evacuare la zona di intervento. La Protezione civile ha fatto poi sapere che “I servizi sociali hanno messo in piedi strutture per le persone evacuate, si tratta di circa una cinquantina di persone”, ma il numero potrebbe aumentare. Sono state attuate le stesse procedure collaudate per i terremoti. I tecnici di autostrade stanno verificando la tenuta del resto del ponte.

Il tratto crollato, diverse decine, forse centinaia di metri, transita sopra una zona  densamente abitata. La maggior parte del viadotto si è schiantato sul greto del torrente Polcevera ma enormi tratti sono precipitati su case, su capannoni e sulle strade sottostanti. Nel crollo sono stati sfiorati anche i capannoni di Ansaldo Energia, una delle principali industrie di impianti per la produzione di energia in Italia.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

13 COMMENTI

  1. e ovvio che la colpa e stata del temporale, in una nazione che si permette di dichiararsi civile e democratica non può permettersi il lusso di pensare che il ponte sia stato costruito male da persone criminali e dove chi deve controllare non fa a pieno il suo lavoro, per me è stata l’acqua che si è infiltrata nelle travi a far crollare il ponte, inutile fare inchieste e polemiche, e stato solo il caso, viva l’italia fascista e razzista fondata sulla menzogna e sulla censura. che limita le opinioni di chi la pensa in modo non conforme alla massa, attenti pure ai social tipo facebook che attuano una campagna di totale censura e repressione verso chi dimostra una naturale intolleranza verso questo governo fascista e nazista(tutti quelli che hanno criticato salvini sui giornali online sono stati tutti bannati, notizia censurata in modo totale e inammissibile da tutti gli organi di informazione)ma noi non ci mettiamo paura di un fascistello ipocrita barbuto che si crede intoccabile. viva la libertà e la democrazia al di la di tutti gli schieramenti politici, il resto son davvero chiacchiere di gente che fa dell’odio e dell’intolleranza una sua ragione di vita e di esistenza.

  2. brava calzelunghe condivido il suo pensiero, questi al governo pensano di ributtare in mare i poveri migranti in cerca di fortuna chiudendo addirittura i porti e multando, arrestando e portare in carcere chi tende la mano per qualche spicciolo davanti a una chiesa e poi per i ladroni di regime tutti zitti e asserviti, cari italiani cercate di crescere un po tutti, prima di reprimere il crimine degli ultimi guardate come mai con i pesci grandi non fanno mai niente, loro si spartiscono i soldi e vi infondono sorrisini sarcastici in tv(ogni riferimento al sorrisino beffardo di salvino e affini è voluto)statene certi della tragedia di genova non uscirà mai il colpevole, estrema e totale vicinanza ai parenti delle povere vittime, e tu caro barbuto del val brembana invece di contare i poveri che stendono la mano davanti alle chiese promettendo loro una sana galera, cerca di fare inchieste serie e professionali per reprimere il crimine degli affaristi in giacca e cravatta per questione più serie, questo ponte crollato come una cartapesta grida giustizia, vergognatevi davvero.

  3. la colpa è dell’incuria e della superficialità di chi ha ristrutturato.Un temporale non può e non deve far crollare un ponte in cemento armato-

  4. Pippi, hai le calzelunghe…ma il cervello corto! Io non voglio fare l’avvocato di nessuno. Del resto, se al governo ci fosse stata la sinistra, avrei ragionato nella stessa identica maniera, e cioè: ma cosa diavolo c’entra Salvinie ed il governo attuale rispetto al crollo del ponte Morandi che è stato realizzato negli anni sessanta ed inaugurato nel 1964 ??? Probabilmente, l’ing. Morandi, che ha progettato il ponte in questione, ha commesso dei madornali errori di calcolo, come del resto aveva già detto qualche esperto anni fa. La cosa davvero drammatica e scandalosa è che nessuno, in 54 anni, è mai intervenuto con delle attività correttive. Questo è davvero abominevole e disonesto !!! Non trovi???

  5. guarda che calzelunghe era estremamente ironica/o mi sembra palese che un misero temporale potesse far cadere un ponte di 200 metri di altezza su un autostrada importante in una città grande come genova, cercate di stare più attenti nel leggere i commenti

  6. peccato che le goccioline d’acqua non possano far cadere il cervellino dell’opinionista delle ore 15.59, era talmente sarcastica la mia prima osservazione che pur di andare contro al mio pensiero lo hai interpretato a modo tuo, come sei messo male….. fatti curare per davvero credimi.

  7. il mio primo commento era talmente sarcastico che il lettore delle 15.59 ha creduto veramente che un misero temporale possa aver causato il cedimento di un ponte su un autostrada così importante come nel centro di genova(parliamo di una metropoli)se non capite l’ironia almeno desistete dal fare commenti sciocchi

  8. Tranquilli che ora ci pensa mister 14.000 euro al mese, Giggino, che risolleverà il paese eliminando il posto pubblico e lasciando tutto al lavoro privato, come questi della manutenzione del ponte, privati, tutti servi di padroni privati!!

  9. Ma i commenti di sopra sono di persone normali? Che c’entra Salvini, il raSSismo, i mendicanti con questa ennesima tragedia italiana, dove vogliamo ricordare, ci sono state tante vittime? Ma voi veramente siete idioti e non avete rispetto …..ma la redazione censura solo chi si permette di criticare De Luca?

  10. Sicuramente i simpatizzanti del gambiano che gira con i calzini in mano di giorno e gli attrezzi per scassinare di notte, troveranno il modo in cui collegare questo incidente grave al buonismo sull’immigrazione. Che fenomeni che siete! Una domanda è possibile fare una legge in cui chi è disposto ad accogliere ANCORA altri migranti ne deve prendere minimo un paio in casa a secondo del reddito?

  11. I soliti commenti inutili e qualunquistici. Ma i nuovi arrivati sono forse meglio degli altri?
    Basta sparare sentenze senza validi argomenti suffragati da vere argomentazioni tecniche!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.