“Diritti umani negati a Provenzano”: Corte Europea condanna l’Italia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa

La Corte europea dei diritti umani ha condannato l’Italia perché decise di continuare ad applicare il regime duro carcerario del 41bis a Bernardo Provenzano, dal 23 marzo 2016 alla morte del boss mafioso, avvenuta 4 mesi dopo. Secondo i giudici, il ministero della giustizia italiano ha violato il diritto di Provenzano a non essere sottoposto a trattamenti inumani e degradanti. Allo stesso tempo la Corte di Strasburgo ha affermato che la decisione di continuare la detenzione di Provenzano non ha leso i suoi diritti.

Provenzano morì il 13 luglio 2016 mentre era detenuto al regime di 41 bis nell’ospedale San Paolo di Milano. Il decesso arrivò dopo un lungo periodo di malattia e numerose polemiche sulle sue condizioni di detenzione. Prima della morte i medici gli avevano diagnosticato un grave stato di decadimento cognitivo, lunghi periodi di sonno, rare parole di senso compiuto, eloquio assolutamente incomprensibile, quadro neurologico in progressivo, anche se lento, peggioramento.

Nelle loro conclusioni i medici dichiaravano il paziente “incompatibile con il regime carcerario”, aggiungendo che “l’assistenza che gli serve è garantita solo in una struttura sanitaria di lungodegenza”.

“Non ci sarà un risarcimento”

Da anni l’avvocato del boss, Rosalba Di Gregorio, aveva chiesto senza successo la revoca del regime carcerario duro e la sospensione dell’esecuzione della pena per il suo assistito, proprio in virtù delle sue condizioni di salute. Di Gregorio negli anni precedenti alla morte aveva presentato due istanze di revoca del carcere duro e tre di sospensione dell’ esecuzione della pena. Tutte sono state respinte.

“Quella che abbiamo combattuto – dice Di Gregorio – è stata una lotta per l’affermazione di un principio e cioè che applicare il carcere duro a chi non è più socialmente pericoloso si riduce ad una persecuzione”. Adesso Di Gregorio attende di leggere il provvedimento: “Non ci è stato notificato . dice – perché la decisione è stata presa al termine di un procedimento camerale, ma da quanto ci hanno riferito la Cedu non avrebbe stabilito un risarcimento. Per noi era importante l’affermazione del principio, questa battaglia non aveva come fine l’ottenere risarcimenti monetari”.

“Se lo Stato risponde al sentimento di rancore delle persone, alla voglia di vendetta, lo fa a discapito del diritto – commenta invece il figlio del boss, Angelo Provenzano – Questo credo sia ciò che la Corte di Strasburgo ha affermato sul 41 bis applicato a mio padre dopo che era incapace di intendere e di volere”.

Il governo: “Il 41 bis non si tocca”

“I comportamenti inumani – commenta invece il vicepremier Luigi Di Maio – erano quelli di Provenzano. Il 41bis è stato ed è uno strumento fondamentale per debellare la mafia e non si tocca. Con la mafia nessuna pietà”. Per l’altro vicepremier Matteo Salvini si tratta invece dell'”ennesima dimostrazione dell’inutilità di questo ennesimo baraccone europeo. Per l’Italia – scrive – decidono gli italiani, non altri”. “Rispetto questa sentenza – dice invece il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede – ma non la commento. Voglio sottolineare solo una cosa: il 41 bis non si tocca”.

Maria Falcone: “Strasburgo non mette in discussione il 41bis”

“La sentenza della Corte europea dei diritti dell’Uomo – annota Maria Falcone, sorella del magistrato ucciso a Capaci – non mette in discussione il 41 bis che, impedendo ai boss di continuare a comandare anche dal carcere e spezzando il legame dei capimafia col territorio, è stato e rimane uno strumento irrinunciabile nella lotta alla mafia”.

“Da Strasburgo neanche quando sono morti ci risparmiano di menzionarli, e ci ricordano i nostri aguzzini, caso mai cercassimo di dimenticarli – dice invece Giovanna Maggiani Chelli, presidente dell’Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili – Dove era Strasburgo dei diritti dell’uomo la notte del 27 maggio 1993 quando Provenzano ha mandato i suoi uomini a Firenze ad ammazzarci per far annullare il 41 bis, giusto sulla carta bollata? La Corte di Strasburgo ci offende, ci fa indignare mentre riconosce i diritti ai mafiosi post mortum e non batte un colpo sul fronte delle vittime di mafia”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Questa europa non conosce quale è la storia dell ‘italia….. la brutta storia dell’italia e continua a tentare di scardinare il volere dello stato perchè eletto dai cittadini… il 41 bis non si tocca seno’ i vari provenzano ecc che abbiamo qua ce li mandiamo volentieri a casa loro.

  2. Io dico che ognuno a casa propria adotta le regole che vuole e non concepisco l’interferenza di stati esterni.
    Gli Stati Uniti hanno un governo in ogni stato che stabilisce le regole interne come ad esempio la pena di morte vigente solo in alcuni di essi.
    Questo modello di Europa và cambiato,altrimenti è destinata a finire.

  3. Sono sempre più convinto che questa è l’Europa del’èlite e dei burocrati,parassiti al servizio della Francia e della Germania.L’Italia sta reagendo alle prepotenze di questa Europa oscura e decadente.
    Alle prossime elezioni europee di giugno Tutti voteremo Lega di Matteo Salvini.

  4. L’europa andasse a dirlo ai familiari di tutti i deceduti di mafia compresi quelli sciolti nell’acido o murati come si dice nei pilastri o infornati. Se questa e’ l’EUROPA io non mi sento EUROPEO. Avrei capito più una sanzione per i funerali sfarzosi del CASAMONICA a ROMA che per i quali non mi sembra che qualcuno abbia pagato qualcosa dal COMANDANTE DEI VIGILI AL PREFETTO.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.