Medici aggrediti cinquanta denunce, pericoli continui al pronto soccorso

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Ospedali come trincee dove il pronto soccorso diventa terreno di scontro e non di prime cure. I ‘caduti sul campo’ sono tanti, troppi ma non tutti hanno il coraggio e la voglia di denunciare ed avviare lunghi ed estenuanti procedimenti giudiziari. L’emergenza nell’emrgenza è quella relativa alla sicurezzi di medici ed infermieri impegnati in prima linea per salvare la vita alle persone.

Sono una cinquantina gli operatori sanitari aggrediti fisicamente o verbalmente nel salernitano. Un numero certamente stimato per difetto, quello che emerge da alcune fonti di polizia, se si si tiene conto che solo un medico su dieci denuncia l’episodio violento cui è vittima, ma che lascia intendere quanto recrudescente sia diventato il fenomeno negli ultimi tempi.

Ad essere particolarmente esposto al rischio è il personale dei pronto soccorso e soprattutto i camici bianchi impegnati nelle vecchie guardie mediche, oggi presidi di continuità assistenziale

I dati illustrati da Il Mattino, oggi in edicola, sono stati evidenziati nel corso del convegno organizzato ieri dall’Ordine dei medici salernitani.

In provincia di Salerno ci sono 9 pronto soccorsi, 56 presidi di primo soccorso e 80 di continuità assistenziale. Di questi ultimi, però, 64 sono collocati in zone isolate e in 58 casi è presente un solo operatore.

I camici bianchi salernitani chiedono l’adeguamento di diverse strutture sanitarie del territorio provinciale, l’introduzione della telesorveglianza, l’incremento della presenza delle forze di polizia, il riconoscimento del medico come pubblico ufficiale, la riorganizzazione del lavoro.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Il problema non sono i codici bianchi, rossi o a pua’, il problema inizia già dai medici di base che non visitano piu’ a casa facendo una cosa fuorilegge, oramai fanno tutti studio, il problema continua con una sanità allo sbaraglio, disorganizzatissima, con carenza di personale e strutture inadeguate, continua con punti di soccorso sempre di meno e poi con qualche menefreghismo di qualche operatore che rovina la categoria. Diciamo la verità. Si salva la facciata per non fare figure di cacca, alla fine e’ normale che il popolo insorga.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.