Basket: Riparte da Battipaglia la mostra “1938. Azzurre Prime in Europa”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Riparte da Battipaglia (Salerno) la mostra “1938. Azzurre Prime in
Europa” dove sarà esposta per gli spettatori della gara di campionato di
serie A1 femminile Treofan Givova Battipaglia – Allianz GEAS Sesto San
Giovanni di domenica 9 dicembre (la partita inizia alle 18:00).

Le Azzurre vinsero la prima edizione del Campionato Europeo femminile
organizzato dalla FIBA.
Era il 1938 e il fascismo era all’apogeo. Il dato politico non toglie
nulla all’impresa delle dieci Azzurre, dell’allenatore Silvio Longhi e
del presidente della FIP Giorgio Asinari di San Mar¬zano. Batterono,
davanti a 3000 spettatori, in un’avvincente girone all’italiana, Polonia
(27-19), Svizzera (59-8) e Francia (34-18), persero solo di 2 punti con
la Lituania (21-23) a causa di un autocanestro, ma si aggiudicarono
l’Europeo anche per il miglior quoziente canestri.

La mostra 1938. Azzurre Prime in Europa non è solo un modo per ricordare
un’importante manifestazione vinta, ma anche per conoscere le origini
del nostro sport, per capire come eravamo e per comprendere come tutto
ciò abbia influenzato il nostro modo di vivere la pallacanestro.

L’idea della mostra e la raccolta dei materiali sono del giornalista
Massimiliano Mascolo e del fotografo Alessandro Rizzardini a cui hanno
dato il via l’archivio personale di Annamaria Giotto, oggi 103 anni ed
unica sopravvissuta di quella squadra, miglior realizzatrice italiana di
quell’Eu¬ropeo con 30 punti in 4 gare.

La mostra, a cura della Federazione Italiana Pallacanestro, realizzata
graficamente da Ales-sandro Orrico, sarà portata nei principali
palazzetti di serie A1 e serie A2 femminile nel corso della stagione
2018-19 dalla Legabasket Femminile. L’esposizione viene declinata in 8
pannelli 180x100cm che raccontano in 16 tavole i momenti di
quell’Europeo, dalla preparazione alla vittoria, illustrando il
significato sociale dello sport al femminile in piena epoca fascista
alla fine degli anni Trenta, le modalità di gioco e lo stato di sviluppo
della pallacanestro femminile in Italia, prima della catastrofe
collettiva della seconda Guer¬ra Mondiale.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.