Salerno piange Mario D’Alto uno degli ultimi galantuomini

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Per tutti era il ragioniere D’Alto. Per tutti era un punto fermo in un mondo, quello del giornalismo, sempre di corsa a caccia di notizie e scoop.

Mario non era un giornalista ma sapeva stare in redazione e non solo perché aveva un figlio giornalista, Giuseppe, ma perché lui, abituato a far quadrare i conti e a ragionare con i numeri, in quell’ambiente si sentiva a suo agio.

Non era un lavoro per lui eppure lo svolgeva con costanza, abnegazione e serietà.

Nei giorni scorsi è venuto a mancare all’affetto dei suoi cari il ragioniere Mario D’Alto, papà del collega giornalista Giuseppe. Padre e figlio per anni sono stati al quotidiano Cronache del Mezzoggiorno oggi Le Cronache con ruoli diversi ma sempre preziosi per il lavoro dei redattori del giornale diretto da Tommaso D’Angelo.

Mario D’Alto era un punto di riferimento in redazione. Il suo operato era fondamentale nei momenti di caos, stress e concitazione. A volte era sufficiente alzare lo sguardo e osservare la sua calma, il suo aplomb per rasserenarsi per non essere risucchiati nel vortice delle pagine da chiudere o dei ‘pezzi’ da completare.

Mario D’Alto, con la sua tranquillità e serenità d’animo rappresentava un faro nel mare in burrasca di un giornale che aveva tanta voglia di ritagliarsi un ruolo di primo piano tra i colossi di quel periodo.

Non c’erano i social, non c’era WhatsApp, non esistevano gli smartphone. I pc viaggiavano a rilento con poca ram e tanti problemi e c’era da confezionare un giornale in tempi non biblici e Mario D’Alto collaborava a quel lavoro spesso andando a recuperare foto presso Caserme e Questure o a risolvere problemi sfusi e a pacchetti che si registravano in redazione

Era un altro mondo e di quel mondo faceva parte Mario D’Alto

Sentite condoglianze alla moglie Annunziata, ai figli Giuseppe, Massimiliano e Paola, all’adorata nipotina Chiara, al fratello Giovanni.

Per tutti era il ragioniere D’Alto. Per me era il Signor D’Alto. Un vero e proprio Signore, uno dei pochi che ho incontrato sul mio percorso. Un uomo di altri tempi: umile, educato, onesto, discreto, perbene. In una parola: un galantuomo. Un uomo d’altri tempi. Un Signore. Il Signor D’Alto

AntEsp

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.