Sentenza Cassazione: non c’è nesso tra vaccini e autismo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Confermata dalla Cassazione l’archiviazione – pronunciata dal gip di Milano lo scorso 4 settembre – della denuncia per lesioni e abuso d’ufficio presentata dai genitori di una bimba con autismo infantile che ad avviso di padre e madre si sarebbe sviluppato a causa delle vaccinazioni obbligatorie.

Secondo la Suprema Corte, non sono “sindacabili in sede penale” le “direttive ministeriali fondate sulle risultanze dei più recenti studi epidemiologici” che hanno escluso il nesso vaccino-autismo e non si configura alcun reato.

In particolare, i genitori di questa bimba avevano presentato la denuncia per lesioni contro ignoti per quanto riguarda l’esecuzione della vaccinazione della piccola e la denuncia per abuso d’ufficio nei confronti della Commissione medico ospedaliera di Milano che inizialmente, nel febbraio 2016, aveva accolto la richiesta di indennizzo per danni alla salute avanzata da padre e madre della piccina per poi revocarla pochi mesi dopo – nell’ottobre del 2016 – dopo “essersi adeguata alle indicazioni provenienti dal Ministero della Salute” che sulla base dei più recenti studi escludevano il nesso tra vaccini e autismo. Secondo la Cassazione, correttamente il gip di Milano ha archiviato le denunce – quella per lesioni era anche tardiva – “in quanto l’annullamento in autotutela del primo provvedimento era stato adottato in conformità alle direttive ministeriali, fondate sulle risultanze dei più recenti studi epidemiologici, quindi, nell’ambito di una valutazione discrezionale, di natura tecnica, non sindacabile in sede penale”.

Per gli ‘ermellini’, altrettanto “correttamente” il gip “ha ritenuto che la base valutativa, costituita da dati scientifici, e l’allineamento agli stessi in sede di revisione del precedente giudizio espresso escludevano l’ingiustizia del danno e, anche a voler ritenere sussistente una violazione di legge, mancava un qualsiasi indizio che potesse far prospettare che la pretesa condotta irregolare si inserisse in un contesto di obiettiva volontà di ‘abuso’, consistente nel voler intenzionalmente provocare un danno ingiusto”. Così la Cassazione – con il verdetto 2983 – ha dichiarato “inammissibili per manifesta infondatezza” i ricorsi di questa coppia di genitori alla quale ricorda che “in assenza di un reato è inutile parlare di pertinenza e rilevanza delle prove integrative a fronte di un decreto di archiviazione emesso ‘de plano’ dopo la presentazione di un’opposizione”. Padre e madre sono stati anche condannati a versare mille euro alla Cassa delle ammende come sempre succede quanto i ricorso sono privi di qualunque base giuridica.

Ansa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. chiariamo, hanno detto che non sono stati presentati studi scientifici a dimostrazione di questo nesso, non che non ci sia il nesso. Infatti testualmente hanno detto che trattasi di questioni “di natura tecnica, non sindacabile in sede penale”. Qualunque sia la causa resta l’aumento veritigonoso dei casi di autismo, qualcuno prima o poi si chiederà il perchè e proverà a dare una spiegazione, visto che è fenomeno degli ultimi anni? Se il mondo sapesse come si fanno, vengono trattati, giudicati, pubblicati gli studi scientifici forse si avrebbero meno certezze dogmatiche (che sono l’antitesi della scienza del famoso medicastro sborone, come lo chiamava qualcuno che ne sapeva abbastanza). Intanto la Svezia ha vietato i vaccini obbligatori, apportando proprio 50 pubblicazioni scientifiche a supporto! forse la scienza lì è diversa. Ma tant’è, abbiamo una exministra che pubblicizzava notizie false su centinaia di morti di morbillo a londra, e tutti zitti. Questa è la scienza che afferma la sicurezza dei vaccini?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.