Dramma Lavoro: tutti licenziati i giornalisti de La Città

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Epilogo drammatico per i giornalisti del quotidiano La Città. Dopo i quattro licenziamenti disposti dall’azienda, ed i dieci giorni di sciopero dei giornalisti, la Edizioni Salernitane ha deciso di licenziare tutti i dipendenti azzerando in un colpo solo l’intero corpo redazionale ereditato due anni e mezzo fa dal Gruppo l’Espresso.

Sconcerto e preoccupazione per la perdita di 13 posti di lavoro e di un gruppo di redattori che per oltre 20 anni ha rappresentato un punto di riferimento nel panorama dell’informazione salernitana portando il quotidiano La Città ad essere il giornale più letto a Salerno e in provincia.

Questa mattina al loro rientro in redazione, dopo i 10 giorni di sciopero, i giornalisti de La Città hanno trovato le porte chise del giornale.

Sull’argomento è intervenuto il presidente dell’ordine dei giornalisti della Campania Ottavio Lucarelli che scrive: «Sciolta la società e sospese le pubblicazioni de La Città di Salerno . Siamo tutti fuori – Sos informazione da Salerno – Emergenza democratica nel Mezzogiorno»

“Scioglimento volontario anticipato della società Edizioni Salernitane srl e sospensione delle pubblicazioni della testata giornalistica La Città di Salerno con conseguente interruzione di tutti i rapporti di lavoro ad oggi in essere”: è questo l’oggetto della lettera che le Edizioni Salernitane hanno inviato, tra gli altri, al sindacato Sugc, nella persona di Claudio Silvestri, al CdR della redazione, alla Fistel Cisl, rappresentata da Antonio Abagnara.

La proprietà aziendale ha anche disposto la sospensione delle pubblicazioni con decorrenza immediata. “Ci hanno informati di tornare al tavolo delle trattative – spiega Claudio Silvestri, segretario del Sindacato unitario giornalisti della Campania – in tempi strettissimi. Vigileremo affinché questa operazione non sia la premessa per far rinascere con altra società la testata.
VIDEO

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Il signor “ministro del lavoro” se la viene a fare un’altra passerella da queste parti? O tutto sommato al regime sta bene che sia stato perpetrato un’altro smacco al diritto all’informazione?

  2. sALVE , FERMO RESTANDO CHE LA VICENDA è DELICATA E DOLOROSA, ma perchè si cita sempre il governo lo stato la regione, ‘? le attività privete sono private se guadagnano bene se perdono chiudono… il diritto d’informazione non c’entra… è una vicenda spiacevole che parte da 4 licenziamenti , giusti o ingiusti,non lo so,ma i giornalisti hanno deciso di adottare una protesta dura, coraggiosa,ma ogni azione genera una reazione e bisogna essere responsabili e portare avanti la prpria idea, adesso nei Tribunali del lavoro. E qui altra polemica sulla lentezza della giustizia. Ai posteri l’ardua sentenza ,con affetto Edo speriamo bene.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.