Salerno: aggressione al Modo, la Questura chiude il locale per 15 giorni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
26
Stampa
In seguito all’episodio dell’aggressione ad un giovane avventore da parte degli addetti alla sicurezza, verificatosi nello scorso fine settimana presso un noto locale di intrattenimento salernitano e che ha avuto ampio risalto sui media e sui social per la diffusione di un video sull’accaduto, il Questore di Salerno ha adottato il provvedimento di sospensione dell’attività del locale per quindici giorni ai sensi dell’art. 100 del Testo Unico Leggi di Pubblica Sicurezza.

Gli agenti della Polizia di Stato della Divisione Amministrativa e Sociale, che hanno notificato in mattinata il provvedimento al gestore del locale, inoltre, tenuto conto della gravità del comportamento dei tre addetti alla sicurezza della struttura prontamente identificati, stanno procedendo ad ulteriori attività ed accertamenti finalizzati alla revoca dell’iscrizione dei tre nell’apposito elenco tenuto presso la Prefettura relativo agli esercenti dell’attività di addetto alla sicurezza dei pubblici locali

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

26 COMMENTI

  1. Ed ora mandatè i dipendenti a mangiare a casa dei frustrati che godono vedendo il locale chiudere. Ma pensate che questa sia democrazia?
    E se tutto quanto ha fatto il ragazzo ubriaco fosse accaduto fuori la porta di casa vostra ? Da come scrivete penso che come minimo avreste tirato fuori il fucile.
    Vergognatevi di essere ciò che scrivete.

  2. Molto bene la questura; ora però bisogna procedere penalmente nei confronti del molestatore ubriaco e, soprattutto, nei confronti dei 3 vigliacchi per rissa aggrvata e lesioni.
    Che vinca la fermezza, la civiltà e la responsabilità su ogni forma di violenza, prepotenza, arroganza.

  3. Perché un ristorante utilizza i buttafuori? Io non andrei mai a cena in un posto che ne ha bisogno

  4. Benissimo ma c’e Di nuovo da verificare se il locale in questione è apposto sulle norme di prevenzione incendi già soggetto a chiusura da parte dei vigili del fuoco e carabinieri visto che lo stesso continua a trasgredire ogni regola ….spero presto ad un controllo capillare

  5. La legge è legge e così dovrà essere anche per il ragazzo questo è quello che deve accadere in una nazione democratica qual è l’Italia

  6. bene…ora pero’quando un ubriaco verra’a sfondarvi la finestra di casa oppure verra’a rompervi l’auto e voi lo” corcherete di mazzate”,non vi lamentate che sarete anche denunciati…qui al posto di chiudere il locale bisognava prendersela coi 3 buttafuori e col ragazzo ubriaco…che nazione di deficienti l’italia

  7. Il problema non è che i buttafuori non si dovevano difendere ma in che modo si sono “difesi”? Chi dovrebbe garantire la sicurezza non lo deve fare solo per i clienti ma anche per l’avventore, qui parliamo di calci e pugni in TESTA, è un’altra cosa, la testa non si colpiace

  8. quello che i “non violenti” non arrivano a capire è la sequenza e il peso dei fatti: 1.uno si ubriaca e dà in escandescenza, sfascia vetri e aggredisce; POI 2.i buttafuori lo buttano fuori; 3.lui picchia sui vetri, li aggredisce e tira pietre; 4.lo RIbuttano fuori; 5.lui torna e solo qui avviene l’errore, chiaro ed evidente, dei buttafuori, nel dare i calci! ma il “povero aggredito” che fa?? 6.TORNA ad aggredire i buttafuori e gli astanti! … in tutto questo i “non violenti” qui cosa vedono? solo l’ultimo punto, mentre per il resto si girano dall’altra parte e fanno finta di non voler capire. Guardate il video, e vedrete che il tizio torna più e più volte ad aggredire e sfasciare, e solo alla fine riceve i calci, condannabili e non giustificati, ma per favore non confondiamo aggressore con aggredito, offesa con difesa (pur con eccesso).
    In tutto questo il locale che c’entra? i buttafuori sono di una società esterna e la responsabilità penale è personale, quindi paga quello che ha dato i calci e al massimo la società, non il locale.
    A quelli che pensano che sia giusto così, dico solo: immaginate che uno entri in casa vostra, vi aggredisce, vi sfascia i vetri, voi lo buttate fuori, lui rientra, lo ributtate fuori, e lui ritorna e picchia voi e la vostra famiglia, al che voi REAGITE e alla fine? arriva il “non violento” di salernonotizie e vi viene a dire che il colpevole siete voi, e la questura vi sequestra e chiude la casa! mentre ilviolento aggressore sta a spasso a chiedere i danni a voi! …. questo è il mondo che i “non violenti” vogliono … e stupidamente la buttano pure in politica, come se esistesse un partito o una ideologia che consenta agli ubriachi di sfasciare e picchiare in libertà e senza essere toccati.. mi fate pena, perchè parlate di cose che non vi toccano, ma per esperienza personale quando vi toccano diventate i peggiori violenti, verbali e non. Ho paura dei pacifisti di facciata e dei perbenisti, più di certi aggressori ubriachi..

    Ora il locale è chiuso e l’aggressore sta a spasso, aspettatello a casa vostra e al bar mi raccomando! ve lo auguro (ai “non violenti”) ma siate felici, il locale è chiuso!! evvaii!! problema risolto!

  9. L’auto mi è stata danneggiata in strada con regolare parcheggio pagato. I ragazzi coinvolti non li ho toccati neanche con un dito. Ho chiamato la polizia. Si fa così in un paese civile e la stessa cosa avrebbero dovuto fare gli addetti alla sicurezza o i dipendenti. Probabilmente hanno ordini diversi dai gestori. La cosa più schifosa è che sto leggendo commenti inneggianti al massacro del ragazzo anche da parte di membri delle forze dell’ordine. Per quanto riguarda i dipendenti il ristorante verrà riaperto di sicuro

  10. Obiettivamente è troppo poco. Sanzioni esemplari per i tre e anche per il molestatore ubriaco. Revoca della licenza per l agenzia che addirittura giustifica i tre. Mah

  11. quindi se un malintenzionato vi entra in casa lo dovete lasciar fare e prendere ciò che vuole….ma non eravate per la difesa della vostra proprietà anche con le armi?????a scusate vale solo per gli extracomunitari……

  12. se perdo il controllo per un ragazzo mezzo ubriaco, prendendolo a calci in testa, che sicurezza posso garantire se iniziano a menarsi 20 persone dentro ad un locale? questo è il problema. serve selezione e formazione come per le forze dell’ordine, visto che spesso devono gestire situazioni delicate dove c’è in gioco la sicurezza di centinaia di persone

  13. 19 e 25 hai le ideee un po’ confuse, sono proprio i non violenti che proteggono i clandestini e gli aggressori condannando a priori chi si difende. ma poi “eravate” chi? ancora a distribuire tessere politiche state? cheppalle

  14. X Anonimo…ti rendi conto delle stupidaggini che dici? La responsabilità é sia del locale che della società che ha assunto questi tre incompetenti. Bastava bloccarlo a terra ed attendere l arrivo delle forze dell ordine cosi si agisce in un paese civile. Io posso picchiare chi mi insulta per strada ma se lo mando all ospedale sono responsabile delle azioni che ho commesso. Si reagisce come i buttafuori solo per legittima difesa (se avesse cacciato un’arma)

  15. Qui non si parla di proprietà privata bensì di locale aperto al pubblico sottoposto al tulps. Quel che non capisci è la reazione esagerata di tre verso un molestatore che poteva essere bloccato agevolmente in attesa delle autorità. Il locale ha scelto un agenzia sbagliata e poiché la rissa è stata causata dai propri collaboratori (esterni) è sottoposto alle sanzioni del tulps (chiusura, sospensione ecc). Lo stesso vale per l agenzia (che x me dovrebbe vedersi revocata la licenza se sceglie soggetti incapaci a garantire la sicurezza) . La responsabilità penale, personale, grava sui tre per rissa lesioni ecc. Nonché sul molestatore. Capito ora? X quanto riguarda le chiacchiere da bar allora secondo te, e quelli che sono della tua stessa visione, è normale che in tre picchino in quel modo al posto di fare il loro lavoro? Li non serviva la punizione fisica ma quei tre, per il ruolo ricoperto, avrebbero dovuto bloccare il molestatore e garantirlo alla giustizia senza voler dimostrare di essere forti (in tre!!). Se avessero fatto questo sarebbero stati elogiati da tutti. La politica? Non c entra niente! Solita confusione delle persone. Altra cosa poi è la legittima difesa.
    Piuttosto critica chi non è intervenuto dei gestori dei dipendenti e dei presenti cioè l INDIFFERENZA DI TUTTI!
    P.s. Il chiattone, che ha visto troppo wrestling, addirittura: 1) ha dato un calcio dall alto verso il basso ad uno inerme in terra; 2) ha dato uno schiaffone mentre il ragazzo era distratto e poi 3) ha fatto una mossa da” Bruce Lee” (ridicolo solo a guardarlo) nei confronti di una persona ferma. Gli altri due poi hanno dato calci e pugni mentre era inerme o tenuto dal chiattone. Sai chi era la vittima? Uno che a stento era in piedi. Questi sono normali? Come si fa a giustificare certe persone che dovrebbero GARANTIRE LA SICUREZZA?

  16. Rilassati. Fra 15 giorni riaprite (forse).
    Quello che fai finta di non capire, o forse non ci arrivi, è che in teoria un “buttafuori” è un professionista che gestisce queste situazioni, senza mettere in pericolo l’incolumità degli avventori, la sua e quella di chi da fastidio. Invece il video parla di 3 improvvisati che solo per una questione di pura fortuna non sono indagati per omicidio colposo.
    Forse così lo capisco meglio.

  17. Vili e vigliacchi,ottimo questore ma bisognerebbe che controllasse anche altri,perché di vili vigliacchi buttafuori e proprietari che autorizzano questa violenza,c’è ne sono molti,perché picchiare selvaggiamente un ubriaco che non riesce a difendersi anche se ha esagerato è solo da vili vigliacchi

  18. Buttafuori e ragazzo ubriaco colpevoli della chiusura del locale, ma nei 15 minuti di colluttazione dov’era il proprietario o chi per esso ??

  19. Secondo me, vista la stazza dei buttafuori, se avessero voluto fargli davvero male, lo avrebbero lasciato a terra.
    Invece, il fanciullo, si è alzato e ha continuato ad istigarli.
    Secondo me, nonostante non condivida la violenza, in nessun caso, i provvedimenti dovevano essere presi, prima di tutto, nei confronti del ragazzo. Accertare i danni fisici avuti e, di conseguenza, prendere provvedimenti per i buttafuori. Il locale non è responsabile al punto di essere chiuso. Anche perchè, il tutto si è svolto fuori. Questo sempre secondo la mia modesta opinione

  20. 22.44 e 08.09, voi proprio non sapete leggere: io ho scritto “riceve i calci, condannabili e non giustificati”, e tu affermi che io giustifico?
    io ho scritto ” i buttafuori sono di una società esterna e la responsabilità penale è personale, quindi paga quello che ha dato i calci e al massimo la società” e voi affermate che non capisco che la responsabilità è personale??!??! capre, imparate a leggere! inutile rispondervi oltre.
    E comunque non ho nulla a che fare col locale, anzi non ci sono mai stato, provo solo a commentare quello che VEDO, voi invece commentate per congetture e vostre fantasie, manco l’italiano capite.. di che parliamo?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.