Insetti all’ospedale Vecchio Pellegrini, le blatte del video sono state introdotte

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
 L’entomologo: “Specie tipiche del Sud America, liberarle è pericoloso per l’ambiente. Possono proliferare e diventare invasive”. Borrelli e Simioli: “Siamo di fronte ad un sabotaggio, i colpevoli devono subire pene pesantissime. Qualora si tratti di dipendenti pubblici devono essere licenziati”
“Il video che mostra delle blatte in uno dei bagni dell’ospedale Vecchio Pellegrini è stato quasi certamente creato ad arte da dei sabotatori. Gli insetti sono stati infatti introdotti di proposito e poi ripresi. Siamo di fronte ad un fatto gravissimo, qualcuno vuole screditare il sistema sanitario. La magistratura deve fare chiarezza molto rapidamente su quanto sta accadendo”. Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione Sanità Francesco Emilio Borrelli e il conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli in seguito all’opinione espressa dal dottor Emilio Noviello, medico veterinario per animali esotici e non convenzionali in diretta radiofonica stamattina.

“Gli insetti che si vedono nel video sono degli esemplari di ‘Blaptica dubia” – spiega il dottor Noviello -, provenienti da Argentina e Brasile. Sono usati solitamente per alimentare rettili, reperirli è molto facile sia su internet che nei negozi specializzati per animali esotici. Nel video gli insetti assumono dei comportamenti assolutamente anormali per la loro specie. Queste blatte, infatti, sembrano disorientate trascinandosi senza una meta precisa. Inoltre alcuni esemplari giacciono sul dorso come se fossero stati appena gettati sul pavimento”. “Chi li ha introdotti – prosegue Noviello – ha assunto un comportamento particolarmente pericoloso. Qualora questi insetti dovessero proliferare, ci ritroveremmo con una nuova specie di blatta sul territorio, con tutti gli effetti che ne conseguono”.

“Liberare insetti o animali di altre zone del pianeta sul nostro territorio senza alcun controllo è di per sé pericoloso. I protagonisti di questa vicenda devono essere colpiti con la massima durezza. Se si tratta poi di dipendenti pubblici e sindacalisti dell’ospedale bisogna licenziarli in tronco senza alcuna remora”, conclude Borrelli.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Meno male. Abbiamo risolto il problema della sanita’ campana. Adesso riiniziamo a dire che è la migliore, che tutto funziona, che non esiste il turismo sanitario……. Sono cosa da pazzi. Le blatte probabilmente sono state portate, ma per quanti giorni sono state in quel posto prima di essere viste, fotografate, pubblicizzate e tolte????????
    Probabilmente non è chiaro un aspetto della problematica. Stiamo parlando di ospedali.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.