Chef morì dopo crollo al ristorante di Atrani, tre condanne

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Si è chiuso il processo di primo grado relativo alla morte di Carmine Abate, lo chef del ristorante Zaccaria di Atrani che il 2 gennaio del 2010 perse la vita nel crollo del costone roccioso che investì il locale.

Stamani il giudice monocratico della terza sezione penale del Tribunale di Salerno, Roberta Troisi, ha letto in aula la sentenza che chiude il giudizio e condanna per crollo colposo e omicidio colposo il proprietario del costone roccioso Andrea Barbaro a una pena di un anno e sei mesi (la Procura aveva chiesto due anni e sei mesi), mentre a un anno per gli amministratori della società “Cantina del nostromo” che gestiva il ristorante, Zaccaria Pinto e Annamaria Staiano (per cui erano stati chiesti rispettivamente due anni e quattro mesi e un anno e sei mesi) oltre al pagamento di una provvisionale risarcitoria pari a 50mila euro per ogni parte civile costituita: la vedova Abate, Lidia Rispoli, le figlie Maria e SaraAbate, con la madre dello chef Maria Amato e suo figlio Alessandro Abate (250mila euro in totale), oltre alle spese legali e di giudizio. Le parti civili sono state assistite dagli avvocati Felice Lentini, Carlo di Ruocco e Giovanni Torre.

Assolti gli altri imputati per non aver commesso il fatto: Domenico Guida, direttore dei lavori per l’autorità di bacino Destra Sele, Gerardo Lombardi, responsabile del procedimento per le frane nel gruppo di supporto nominato dall’autorità di bacino Destra Sele, Giovanni Polloni, tecnico geologo abilitato dalla società Acquater a sottoscrivere il piano di stralcio per l’assetto idrogeologico Destra Sele, Vincenzo Trassari, l’ingegnere per il coordinamento tecnico di progetto e rischio frane, Lorenzo Rocchetti, responsabile del progetto per la società Acquater. Entro giorni 80 le motivazioni.

Fonte Il Vescovado

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. 9 anni per una sentenza di primo grado e quasi 3 mesi per depositare le motivazioni?
    SEMPLICEMENTE VERGOGNOSO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.