Trenta anni dal Muro, com’è cambiata l’Europa (di Cosimo Risi)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Nel 2019 corrono i trenta anni dalla caduta del Muro. E quando dici Muro pensi a Berlino.

La caduta diede vita al processo rapido e inarrestabile di ristrutturazione del Continente.

Le avvisaglie erano già percepibili nei paesi satelliti dell’Unione Sovietica. Prima la Polonia con il movimento Solidarnòsc, poi l’Ungheria, la Cecoslovacchia (allora unita), le Repubbliche Baltiche.

L’onda d’urto si propagò al centro delle crisi europee. Dal 1945, anno della sconfitta  del Terzo Reich, la Germania divisa in Repubblica Federale a ovest e Repubblica Democratica  a Est era la rappresentazione plastica della divisione  fra le sfere d’influenza. Attraversavi il confine verso Est e ti sembrava di entrare in un altro universo, carico di sospetti e  desideri, dall’atmosfera de “La spia che venne dal freddo”.

I sospetti delle autorità ufficiali che temevano il contagio dei costumi occidentali e tenevano la popolazione segregata, i desideri delle persone verso prodotti da noi di largo uso e da loro introvabili. Le calze di nylon, le penne a sfera: solo per citare i più banali.

Sergio Romano, allora Ambasciatore d’Italia a Mosca, rievoca quel periodo in un’intervista (LINKIESTA, 23 febbraio 2019) in cui fa il punto sul trentennio. Fu un errore allargare l’Unione europea ai paesi dell’Est. Orfani del comunismo, in cerca di un appiglio politico e soprattutto economico, quei paesi guardarono a Bruxelles come alla terra promessa: per riscattare le prerogative nazionali fagocitate dall’URSS, per entrare nella società dei consumi  impediti dalla pianificazione statale.

La spinta verso l’allargamento fu tale che la Commissione Prodi impegnò risorse ingenti per concludere le trattative di adesione in tempi ragionevoli. Fra il 2004 e il 2007 l’Unione diede vita al big bang, l’ingresso simultaneo di ben dodici nuovi membri, fra cui Cipro e Malta, portatrici di tutt’altri problemi.

Romano rileva quanto l’effetto dell’allargamento  fosse sottovalutato. I paesi dell’Est andavano certamente sostenuti nella loro emancipazione ma senza integrarli nelle istituzioni europee.  Alla distanza i nuovi stati membri hanno mostrato di cercare nell’Unione i benefici economici, non l’integrazione politica. La loro ambizione era di accrescere il benessere e soprattutto di ritrovare la sovranità nazionale sacrificata dal comunismo.

Il sovranismo di marca  orientale, in Polonia e Ungheria, è legato rispettivamente a Kaczynski e Orbàn, ma parte da lontano, dall’esigenza dei loro paesi di affermarsi come stati – nazione e non appendici di un potere esterno, che esso si collochi a Mosca o  Bruxelles.  Il sovranismo di marca occidentale, in Italia e Germania, risponde invece alle contingenze politiche del momento e contrasta la loro storica vocazione all’integrazione.

Fra i membri entrati nel 2004 ed alcuni membri fondatori del 1957 la distanza è notevole. Non è detto perciò  che la convergenza fra i sovranismi regga né che produca nuovi assetti in seno al Parlamento Europeo dopo le elezioni di maggio.

Fautori del grande allargamento  furono Germania e Regno Unito. La Germania non voleva più alla frontiera orientale paesi potenzialmente ostili. Il Regno Unito voleva diluire l’integrazione europea con l’immissione di nuove variabili. Londra si ritira dal gioco senza vincerlo: Brexit è la rinuncia a modificare l’Unione secondo i propri voleri. La partita è finita? Ci torneremo.

Cosimo Risi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.