Quota 100: entro 6 anni in pensione metà dei medici

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
L’emorragia dei medici non si ferma: entro il 2025 usciranno dal Sistema sanitario nazionale 52mila medici, vale a dire il 50% degli attuali specialisti. Tutta colpa del blocco delle assunzioni, dei pensionamenti fisiologici secondo la legge Fornero e di quelli anticipati con quota 100. E senza guardare al medio periodo, già oggi mancano all’appello 10mila specialisti. A tendere, i gap più gravi riguarderanno settori strategici: entro il 2025 l’ammanco sarà di 4.180 medici nella medicina d’emergenza, di 3.323 nella pediatria, di 1.828 nella medicina interna, di 1.395 in anestesia.

Le nuove leve – La cosa paradossale è che i medici non mancherebbero neppure: come denuncia l’Ordine della categoria, sono poco meno di 16mila i medici intrappolati nel cosiddetto “imbuto formativo”: laureati, abilitati e poi costretti ad attendere anche per anni prima di riuscire a ottenere un posto nelle scuole di specializzazione o al Corso per la Medicina Generale. Il MIur ha messo a bando 6.934 posti nelle 50 scuole di specialità e per tali posti si sono presentari più del doppio dei laureati.

Il Contratto di governo include il dossier specializzandi, prevendendo che “i posti per la formazione specialistica dei medici dovrebbero essere determinati dalle reali necessità assistenzaieli”, ma a tale intenzione non è seguito il via libera a nuove assunzioni che poteva essere incluso nel Dl Semplificazioni, ma è saltato. L’unico spiraglio è per ora nella scelta del ministero della Salute di aprire i concorsi anche agli specializzandi iscritti all’ultimo anno di corso, ma secondo le associazioni di categoria ancora troppo poco per coprire le voragini della Sanità italiana.

I medici a gettone – In mancanza di personale si ricorre allora ai medici a gettone, giovani neolaureati senza esperienza oppure camici di lungo corso richiamati in servizio anche se sarebbero già in pensione. Secondo i dati forniti dall’Enpam, l’ente della previdenza per i medici, sarebbero almeno 35mila i precari retribuiti a chiamata. Di questi almeno 10mila sarebbero esterni alle strutture e pagati anche 90 euro all’ora, mentre i restanti sarebbero già dipendenti degli ospedali e retribuiti oltre lo stipendio per i turni extra anche 60 euro all’ora.

Fonte TgCom.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Quanta disinformazione…quota 100 riguarda l’Istituto previdenziale nazionale (INPS) al quale solo una piccolissima quota di medici è iscritto. La maggior parte ha come ente previdenziale la cassa medici (enpam) che non è assoggettata né alla legge Fornero né a quota 100.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.