Da Cava a Salerno l’Amore Criminale di Salvatore a Nunzia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Tra il panorama incantato di una Salerno silenziosa passando attraverso i vicoli di una Cava de’Tirreni dal fascino misterioso si è sviluppata la puntata di ieri sera del programma Amore Criminale in onda la domenica sera su Rai Tre dove vengono raccontati quegli amori malati finiti in tragedia. E quella di ieri sera, la terza puntata ha illustrato con lucida perfezione uno dei femminicidi più efferati accaduti proprio nel salernitano

Il programma condotto da Veronica Pivetti, è stato dedicato alla storia di Nunzia, una donna di 41 anni di Cava de’ Tirreni, massacrata da suo marito con più di quaranta coltellate. Impressionante la ricostruzione degli eventi, da brividi l’epilogo finale che a molti ha lasciato più di qualche lacrima. Impressionante come la forte somiglianza dell’attrice della ricostruzione con la povera Nunzia.

La storia ha narrato di un inferno di quindici anni di violenze, dove negli ultimi tre mesi, Nunzia Maiorano aveva deciso di sottrarsi decidendo di non dormire più sotto lo stesso tetto del marito Salvatore Siani, anche se di giorno continuava a occuparsi di lui e dei loro figli. Nunzia aveva deciso di separarsi per scappare da un matrimonio infelice e violento. Così, nonostante i numerosi tentativi di salvare il matrimonio – tentativi a cui presero parte anche i familiari di Nunzia, in particolare il fratello – Nunzia decise di andare a vivere da sua madre. Come ha ricostruito la punta il 22 gennaio 2018 Nunzia Maiorano viene uccisa dal marito davanti agli occhi dell’anziana madre e del figlio più piccolo, Michele, di appena cinque anni e costretto ad assistere all’omicidio. Nonostante le lesioni, gli schiaffi, i pugni, i calci, le ciocche di capelli strappate, le coltellate e i morsi, Nunzia – mentre muore – volge l’ultimo sguardo al figlioletto, chiedendo alla propria madre di portarlo al sicuro. L’ex marito di Nunzia è stato condannato per omicidio, in primo grado, con rito abbreviato, a 30 anni di carcere. Ora si attende l’appello. E ieri sera a Salerno cosi come a Cava de’Tirreni erano in tanti incollati allo schermo basiti da immagini che forse sono state rese meno violente dalla cruda realtà.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. FINE PENA…MAI…x un balordo del genere…..e si atteggiava pure sto pezzo di merda…..in appello te la devono aumenta’ la pena…..

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.