A Giffoni Valle Piana la tradizionale Processione della Spina Santa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

Si svolgerà venerdì 29 marzo 2019, alle ore 18.30 la processione della Sacra Spina, reliquia custodita nella Chiesa della Santissima Annunziata di Giffoni Valle Piana.

Preceduta dalla funzione eucaristica in programma alle ore 17.30, la Spina Santa girerà per le strade della città picentina, con il successivo bacio dei fedeli e la tradizionale trasformazione della spina al colore rosso sangue, uno dei momenti più suggestivi per i fedeli oltre che per l’intera comunità locale.

La reliquia è una delle più importanti della cristianità, custodita a Giffoni Valle Piana dove è oggetto di un’antichissima devozione. La storia narra che la Sacra Spina, staccata dalla corona che cinse il capo di Cristo sulla Croce, sia arrivata nei Monti Picentini nel medioevo. Conservata per secoli a Constantinopoli, la corona venne trasferita a Parigi nel 1239 da Luigi XI. Una spina nel 1300 venne donata da Carlo IV a Leonardo De Rossi, figura importante per la Chiesa del XIV e che decise di portarla successivamente a Giffoni Valle Piana, suo paese natale.

Venerdì 29 marzo a guidare la processione con tra le mani la sacra ampolla ci sarà don Alessandro Bottiglieri dell’Unità Pastorale di Giffoni Valle Piana, i sacerdoti delle altre parrocchie, i frati cappuccini e l’Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Antonio Giuliano. Al ritorno nella chiesa Santissima Annunziata si procederà al tradizionale bacio dei fedeli.

Infine, alle ore 21.30 nella suggestiva Congrega della Santissima Annunziata, la “Compagnia Giffoni Teatro” e l’ANSPI di Giffoni, presentano “ODE TO JOY”, uno spettacolo con testi di Giacomo D’Agostino, autore e attore Salernitano, una delle colonne portanti della Compagnia. La messa in scena con evidenti tematiche religiose, vuole essere, nelle intenzioni dell’autore, anche un approccio laico ai temi universali del Cristianesimo analizzati attraverso la pittura, la danza, la musica e il teatro dell’arte.

La magnifica atmosfera dei soffitti lignei affrescati e il suggestivo coro in legno, faranno da preziosa cornice allo spettacolo che non mancherà di emozionare gli spettatori. Tra le finalità della produzione, e quindi del Parroco Don Alessandro Bottiglieri, promuovere la conoscenza cristiana e le tematiche legate alla passione di Cristo anche e soprattutto mediante l’approccio alle arti pittoriche, musicali e teatrali in genere.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.