Estorsione ad imprenditore: coppia di Nocera fornisce la sua versione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Divieto di avvicinamento alle persone offese per un 31enne e la moglie 29enne di Nocera Superiore che, da gennaio, avanzavano una richiesta estorsiva di denaro pari a circa 8mila euro ad un imprenditore di di Nocera Superiore, affermando di avanzare un presunto credito nei confronti dell’imprenditore. Questa la notizia di ieri diffusa tramite un comunicato ufficiale della Questura di Salerno.

In una email di rettifica la coppia fornisce la sua versione dei fatti sulla vicenda. Ecco il testo:

In merito all’articolo pubblicato ieri dove si scrive che una coppia di coniugi ha avanzato una richiesta estorsiva ai danni di un imprenditore io M.R.M. chiedo alla testata giornalistica il diritto di replica. Circa 8 anni fa ho venduto la mia macchina a questa persona, si tratta di una Fiat 500 nuova. L’auto era intestata a mia madre.

La persona da voi indicata come vittima rilasciò a mia madre un assegno a scadenza a un anno che alla fine si rivelò non coperto. Cercammo, all’epoca, con l’aiuto di un noto imprenditore edile, amico di famiglia, di riavere indietro l’auto non pagata oppure i soldi.

I nostri tentativi furono vani perché la presunta vittima minacciava me e la mia famiglia. Non ci siamo mai rivolti alle forze dell’ordine perché la madre dello stesso ci prometteva che avrebbe provveduto in prima persona a risolvere questi problemi del figlio, cosa mai accaduta.

Nel frattempo l’uomo minaccia mia madre e chiede la restituzione dell’assegno. Mia madre lo restituisce dopo che la stessa banca lo aveva protestato.  La presunta vittima, nel frattempo, venne raggiunto dell’ennesima misura cautelare in carcere per suoi problemi personali e noi decidemmo di rinunciare a quei soldi.

Dopo anni di carcere l’uomo esce dal carcere ed io, accompagnata dal mio compagno, decido di chiedergli, con estrema gentilezza e cortesia, la restituzione dei soldi dell’auto.

Inizialmente lui si dimostra molto disponibile e conferma anche di non aver mai negato questi soldi alla mia famiglia. In un secondo momento comincia ad essere sfuggente e celandosi dietro menzogne decido di contattare lui è la sua compagna.

Mi recai con mia figlia neonata presso la sua attività e lì, nel bel mezzo della nostra conversazione si presentò la polizia. Fu allora che capii che l’uomo stava usando per l’ennesima volta una strategia per non ridare i soldi di cui ingiustamente si era appropriato.

Ammetto anche di averlo più di una contattato ma di non aver preteso soldi ma solo un accordo. Ci tengo a precisare che questi soldi erano di mia madre attualmente malata oncologica che si era indebitata con la banca proprio perché costretta a fare un presitio per pagare quest’auto.

Non mi sono rivolta ad un legale perché conosciamo benissimo i tempi d’attesa della burocrazia italiana”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.