La tragedia delle 26 migranti di Salerno nella via Crucis del Papa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
C’è stato anche il ricordo delle 26 giovani nigeriane, morte a largo della Sicilia, e ora sepolte a Salerno, nelle 14 Stazioni della Via Crucis di Papa Francesco al Colosseo.

Una Via Crucis insolita, quasi politica, che ha parlato della sofferenza di chi non sa dove andare, di chi non ha nulla, di chi ha attraversato il Mediterraneo ma poi è stato respinto perché i porti sono stati chiusi.

Le meditazioni del Venerdì Santo 2019 erano state affidate a suor Eugenia Bonetti, ottantenne missionaria della Consolata, che ha rivolto il suo sguardo – ferocemente addolorato – verso i nuovi crocifissi di oggi: “Con Cristo e con le donne sulla via della croce” era il suo tema.

Sul Golgota odierno – mentre davanti agli occhi del Pontefice la croce di legno illuminata dalle fiaccole passava di mano in mano ai tanti Cirenei scelti per essere testimoni diretti del più grande e colossale fenomeno globale a cui si sta assistendo a ogni latitudine – le vittime della tratta, i minori mercificati, le donne costrette alla prostituzione, i migranti…

Ovvero “calvari sparsi per il mondo di cui siamo tutti complici, con la nostra ipocrisia e la nostra indifferenza”, ha scritto suor Eugenia che, nell’ultima stazione, quella che conduce al sepolcro di Gesù, ha evocato i “nuovi cimiteri di oggi”: il deserto e i mari, dove trovano dimora eterna “uomini, donne, bambini che non abbiamo potuto o voluto salvare”.

Come le 26 giovani giovani donne sbarcate morte dalla nave Cantabria a Salerno nel novembre 2017: “Le ho menzionate quelle 26 bare. – ha dichiarato suor Eugenia – Ho pianto come qualsiasi cuore di madre piangerebbe davanti a 26 donne giovani, alcune incinte affogate vicino alla terra promessa, dopo la traversata del deserto, dopo essere state rivendute in Libia, dopo le torture nei centri di detenzioni. Bisogna avere il cuore di pietra per non commuoversi davanti a quelle bare”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. Se hai una domanda a questo punto chiedi al sistema mafioso e corrotto italiano…non solo la tua “ironia” e fuori contesto ma è pure tediosa e carica di odio, un paese che odia e guarda dalla parte sbagliata è un paese con un futuro conflittivo. Orietta chi guarda la pagliuzza negli occhi degli altri non riesce e vedere lla trave nei propi.

  2. ecco l’odio che trasuda copioso dal solito SAestero, l’odio verso chi non è nero, da buon razzista quale appare ogni volta. Sia Orietta che 21:44 hanno posto due questioni serie, ma l’odio immenso di saestero non gli permette di vederle. i cinquemila dollari che i cosiddetti poveri migranti pagano, nei loro paesi gli consentono di mangiare per anni, e invece? è ovvio che c’è qualcosa che non quadra nella narrazione mediatica, ma i pieni di odio e razzisti come saestero non vogliono capire. Per fortuna molti già da un po’ lo hanno capito. Poi se il Papa vuole aiutare qualcuno può farlo magari affittando a prezzo di costo (netto delle tasse) tutti gli innumerevoli immobili che ha. Pure questo, gli odiatori professionisti alla saestero non lo vedono e non lo capiscono, non ci arrivano proprio. E vabe, ce ne faremo una ragione, fortunatamente sono sempre di meno quelli come lui che non capiscono che non c’entra nulla l’accoglienza, lo scappare da guerre e la fame, così come pure il razzismo contro i neri. L’unico razzismo è quello contro i bianchi attualmente, ed è impunito se non incoraggiato. Resta all’estero, fai benissimo!

  3. Innanzitutto minat int u cess!
    Seconda cosa,se hai ancora un neurone ancora non bruciato dalla cannabis,non ti chiedi come mai con tutti i problemi dei cattolici nel mondo,non per ultimo le stragi di oggi in Sri Lanka,il pensiero di questo papa sia solo rivolto al business dei migranti?lo sai o no che milioni di persone soffrono la fame in Africa ma non interessa a nessuno perchè non possono pagare e riempire le tasche dei trafficanti di uomini?lo sai che la maggior parte degli appartenenti alla mafia nigeriana sono arrivati in Italia sui barconi scortati nei nostri porti dalla Marina Militare?lo sai che della maggior parte dei bambini minori non accompagnati si perde le tracce entro un mese dal loro arrivo?lo sai che quelli come te sono la causa di tutto questo?

  4. Realista, è alquanto stupida e semplicistica la tua affermazione, i lmotivo è semplicissimo: la religione è indipendente dai suoi seguaci. Se un prete, o religioso in generale, commeette un omicidio secondo te dovremmo cambiare tutti religione? qualunque essa sia? Se un papa fa o dice delle cose non considivisibili secondo te dovremmo diventare buddisti per qualche mese? e poi se cambia papa torniamo cattolici?la religione contempla Dio non la persona! Quindi se questo papa non ci sta bene … semplicemente critichiamo nel merito, ma da cristiani! Per caso, se tua madre ti dice una cosa che non condividi tu cambi madre???!

    17:12, ovviamente condivido! ma i SAesteri non ci arrivano, sono accecati dal buonismo

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.