Tragedia a Sant’Egidio: intera comunità in lutto per la piccola Iolanda

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa

Il suo corpicino è arrivato all’Ospedale Umberto I privo di vita. La piccola Iolanda aveva solo 8 mesi. Tragedia a S.Egidio del Monte Albino, sotto choc l’intero quartiere dove vive la famiglia della bimba. I genitori, papà di Pagani e mamma originaria del napoletano, interrogati in queste ore dai poliziotti del commissariato di Nocera Inferiore agli ordini del vice questore luigi amato.

Le forze dell’ordine stanno portando avanti le indagini per appurare cosa sia avvenuto ieri sera nell’abitazione in via Santissimi Martiri. E per accertare eventuali responsabilità. A coordinare le operazioni seguendo il caso in tutte le sue particolarità il pm del tribunale di Nocera inferiore Roberto Lenza, sul posto anche la dirigente Esposito della sezione scientifica di Napoli.

Ecco una prima ricostruzione di quanto accaduto: a quanto pare i genitori della piccina si erano trasferiti a S.Egidio da qualche anno e vivevano in condizioni critiche sia dal punto di vista economico che ambientale, tanto che ci sarebbero stati più volte interventi degli assistenti sociali. La neonata è stata portata in ospedale a nocera inferiore intorno alle 4.30 con una ambulanza del 118.

Secondo i medici la piccola presentava sul corpo diversi lividi e pare avesse anche segni di bruciature sui piedini e sui palmi delle mani, sulla schiena invece alcune ecchimosi a quanto pare pregresse, nonostante l’intervento del rianimatore e del pediatra di turno, non c’è stato verso di salvare la vita alla bimba. Da verificare anche se la bimba soffrisse di qualche malattia.

Sul posto i genitori, il padre si sarebbe soffermato a parlare con i sanitari del nosocomio nocerino, la madre invece era lì con in braccio un altro figlio di 4 anni. l’autopsia è stata disposta lunedì, da questo esame si potrà capire meglio che cosa è successo alla piccina. Intanto, il pm lenza e la polizia di nocera continuano a lavorare insistentemente. 

I residenti della zona dove abitavano i due genitori parlano dell’intervento in alcune occasioni degli assistenti sociali, c’è chi ha sottolineato la bontà della madre, in molti però non si sono sbilanciati, non conoscevano bene la coppia tanto da spingersi a chissà quali dichiarazioni. Sgomento per la morte della bambina e rabbia perché per qualcuno questa tragedia si poteva evitare.

Fonte Telenuova.tv

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.