Andrè Anderson: Salerno piazza difficile. Sogno di restare alla Lazio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
19
Stampa
Al termine dell’amichevole con la Virtus Entella, André Anderson è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio. L’attaccante italo-brasiliano è sceso in campo nell’ultima parte del match: “Stiamo facendo bene, è questo che importa. Continuiamo così. La mia esperienza alla Salernitana? Salerno è una piazza difficile. Lì ho fatto bene, mi è stato utile per fare esperienza. I miei compagni? Sono troppo forti, li seguo. Per me così è più facile”. L’attaccante sta lavorando sodo, in palio c’è un posto in prima squadra: “Ci sono giocatori fortissimi qui. Voglio giocare, ma devo rispettare chi c’è da tempo. Il mio obiettivo è essere qui e lavorare”.

Fonte Tuttomercatoweb

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

19 COMMENTI

  1. Uajungiè, ti spiego una cosa: SALERNO è una piazza difficile per chi arriva qui pensando che è solo una cosa che devi fare per poter poi fare la tribuna alla Lazio l’anno prossimo.
    Sei stato svogliato e superficiale, ma alla fine non è neanche colpa tua. Buona tribuna e fine di carriera.

  2. Cagn mstier!!! E pensare che avevi pure illuso con una o due partite degne… tanto da farti convocare in nazionale…

  3. Francamente non vedo perché offendersi quando si dice che Salerno è una piazza difficile, si tratta della verità. Però questo ragazzo ha giocato più di mezzo campionato con uno stadio semivuoto e non credo possa dire che l’ambiente lo abbia condizionato più di tanto. In definitiva è un’altre mezza pippa marca Lazio che non andrà mai oltre una medio-bassa serie B.

  4. Non sono daccordo con i due commenti precedenti, Andre’ Anderson e’ fortissimo, solo che va disciplinato, purtroppo per lui e’ stato inserito in un contesto negativo sotto tutti i punti di vista (stagione passata), per cui era difficile fare meglio, ma i numeri di alta scuola calcistica li ha. Ripeto, il contesto negativo, fatto giocare fuori ruolo e allenatore che non lo disciplinava, nno potevi sperare di piu’.

  5. Non eri nessuno quando sei arrivato nella “difficile” Salerno, non sei stato nessuno quando hai giocato nella “difficile” Salerno e adesso non sei nessuno nella “semplice” lazio. Quindi stai sereno, non ci mancherai affatto

  6. Benedetto sarà il giorno in cui la feccia laziale sparirà da Salerno e non dovremo più leggere dichiarazioni al vetriolo di giocatori mediocri (Vitale, Improta e la lista sarebbe lunga) o di scarti lotitiani (Tounkara, Oikonomidis, il fessacchiotto dell’articolo, e aspettiamo con ansia le dichiarazioni del grande uomo Casasola). Peccato che Gregucci è stato zittito prima di potere dire la verità, perché esaurito e come stava era la volta buona che saltava il castello di carte.

  7. STATT ‘ A CAS’ TU E L’amico sopra LIBERATELA a cui dico: STATT’ A CAS’.
    FUORI I GUFI E TIRAPIEDI DA SALERNO!!

  8. X liberatela…Salerno dovrebbe liberarsi di un demente come te! Asino! Sapete dire soltanto liberateci da Soglia, Casillo,Aliberti, Lombardi e oggi Lotito …la storia che tu hai festeggiato in città un mese fa…ridicolo!!

  9. Solo per la maglia, quella celeste. Tu sei tifoso della Lazio, ma su una cosa hai ragione i tifosi della Salernitana si staranno a casa, perché è ora di finirla con lo schifo che sta disonorando 100 anni di storia granata. Poi se ci saranno 600 quaquaraquà allo stadio, pazienza, tanto quelli come te non contano niente.

  10. Ragazzi ma cosa ci meravigliamo i giocatori vengono qua per stare in vetrina con la speranza di andare alla lazio oppure in seire A ….

  11. cerchiamo di stare uniti,ci possono considerare come vogliono i nostri nemici,lazio 2 ,satelliti,puo essere pure vero,ma siamo vivi nel calcio che conto,i nostri nemici sono morti.scomparsi non esistono piu

  12. X Max 73
    Hai ragione nella prima parte del ragionamento ed approvo in pieno.
    Questo ambiente è molto difficile da vivere soprattutto dal punto di vista calcistico.
    Solo i fessi non lo hanno capito.
    Invece hai torto quando dici che c’era poca gente allo stadio e non è possibile che ci sia pressione: il punto è proprio questo, non è una questione di quante persone frequentano lo stadio ma è il clima di contestazione e di avversità che si crea nell’aria e nell’ambiente contro la squadra che è deleterio a prescindere….. Ce ne dobbiamo fare una ragione una volta e per tutte…negare ciò vuol dire non voler vedere e mettere la testa sotto la sabbia….Lo dicono tutti è ormai è un fatto acclarato. Cerchiamo di crescere…tutti…

  13. Fai semp chell…
    Statt a casa…ca fai buon..
    Di questi tifosi che dicono sempre le stesse scemenze, non ne abbiamo bisogno…
    (Lazio B, galleggiamento, o puorc …e cretinate varie).
    Rimani a casa…per sempre…

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.