Processo Fonderie Pisano: chiesti un anno e 6 mesi per tutti gli imputati

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
Chiesti dalla Procura un anno e 6 mesi per tutti gli imputati nel processo sulle Fonderie Pisano. Stessa decisione  per il consiglio d’amministrazione delle Fonderie oltre a due funzionari della Regione Campania (pena sospesa). Lo scrive il sito TvOggiSalerno.it

Si è svolta stamani al tribunale di Salerno dinanzi alla dottoressa Zambrano la prima udienza in discussione del processo sulle Fonderie Pisano.  La Procura ha chiesto anche una multa pesantissima di 165.000 €  e 6 mesi di interdizione dai pubblici uffici per l’opificio di via de’ Greci Fratte.

Nel corso dell’udienza sono state ribadite tutte le irregolarità riscontrate a partire dal 1998: dieci anni di violazioni reiterate di natura ambientale e amministrativa e sospensioni continui dell’attività fino ad atti duri come il ritiro della Via (valutazione di impatto ambientale) da parte della Regione Campania. Prossimo udienza in tribunale il 12 novembre nell’aula 8 alle 9,30.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Ma come si fa”a rinviare ancora ma qui siete pazzi!!! È scritto in decine di documenti risaputo e conclMato che stanno inquinando e uccidendo eppure continuano a rinviare di trimestre in trimestre. L’ultima volta dopo anji di battaglia gli fu ritirata l’aia salvo poi scoprire che ci fu un un’errore di trascrizione da parte dei funzionari della regione e farli rialrire. È tutta una farsa e se la gente non li va a chiudere con la forza la politica continuerà a coprire questo schifo. VERGOGNA!!!

  2. Ma intanto il TAR che fine ha fatto? Da maggio attendiamo invano un cenno che non arriva. Hanno tutte le carte per chiudere quel pezzo d’antiquariato e perdono tempo. Ricordo che l’arpac aveva scritto che le Pisano costituivano un pericolo (ESIZIALE/MORTALE) per la popolazione. Chi deve indagare sul TAR si faccia avanti perché qui sembra che nessuna voglia fare il proprio dovere.

  3. Mentre i medici decidono (nel caso i giudici) l’ammalato muore. Fate non ridere ma purtroppo letteralmente piangere.

  4. Popolazione teanquilli, abbiamo scoperto tutto, sappiamo che inquina a scopo di lucro, sappiamo che è nocivo per i vostri figli e sappiamo che non ha nessuna intenzione di migliorare. State senza pensieri, noi ora ci pensiamo bene e tra appena TRE MESI vediamo qualcun altro se è d’accordo con noi e decideremo il dafarsi. Voi non morite mi raccomando

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.