Fenomeno Greta, l’esercito green marcia in favore del pianeta Terra

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Solo cinquanta anni fa a parlare dei rischi del riscaldamento globale di origine antropica era un gruppetto di scienziati, poco ascoltato e talvolta ritenuto sopra le righe persino dagli stessi addetti ai lavori. Ai giorni nostri, su tali argomenti, ad imporsi sui potenti della Terra e sulla intera opinione pubblica del Pianeta è, invece, un’adolescente svedese impavida e determinata.

Oggi la situazione è decisamente diversa. Quanto denunciano a gran voce Greta Thunder ed i suoi tanti coetanei di tutto il Mondo è entrato nel dibattito pubblico; il problema è trasversalmente riconosciuto; la comunità scientifica sta elaborando modelli di rischio sempre più dettagliati e le istituzioni di ogni latitudine, finalmente cominciano a correre ai ripari.

Certo, sarebbe da stupidi immaginare che già la sola potenza mediatica sprigionata dal fenomeno Greta sia il frutto delle capacità della ragazza. È evidente che a muovere le fila ci siano ben altre menti e dietro le parole ed i gesti della sedicenne si celano poderosi interessi. Basti pensare che le politiche di contenimento della temperatura hanno un costo impressionante, valutato a seconda degli scenari tra i 50 e i 120 miliardi di dollari. Purtuttavia, non è minimamente intaccata l’autenticità e la centralità della questione. Mi verrebbe da pensare che talune lobby avranno lucidamente compreso che se non si fosse corso immediatamente ai ripari, fra mezzo secolo non ci sarebbe stato nulla, o quasi, su cui lucrare o esercitare un qualsivoglia potere.

Da una parte si mobilitano, dunque, la Thunder e milioni di adolescenti che incalzano il potere e dall’altra l’establishment, sovente alla ricerca della risposta più conveniente e comoda. Ben venga, allora, persino la cinica logica del calcolo se dovesse servire a porre sotto la lente di ingrandimento un problema da troppo tempo deliberatamente trascurato.

Si consideri che il protocollo di Kioto, in vigore dal 2005 – attraverso cui ben 191 Paesi si sono impegnati a ridurre le emissioni di elementi che comportano l’inquinamento – è stato sostanzialmente disatteso da quei governi più inclini all’incremento del Pil che alla tutela dell’ambiente. La Cina, ad esempio, è divenuta una delle maggiori potenze mondiali anche grazie a una politica ambientale, per così dire, poco accorta alle direttive in materia.

Non sappiamo se l’esercito di Greta sarà o no in grado di vincere la battaglia in difesa del pianeta Terra, ma è evidente che il fermento green montato tra gli adolescenti sortirà comunque effetti benefici. È in corso un nuovo e proficuo dialogo intergenerazionale, che al di là delle questioni di merito, nell’interesse di tutti e ciascuno non può, né deve mai interrompersi.

di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.