Quel sottile equilibrio tra numeri e parole per il controllo dell’ipertensione arteriosa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Le parole, annodate in un discorso possono essere interpretate in modi diversi, esse possono essere attribuiti molteplici significati, non è così per i numeri, forse per questo amo più i numeri delle parole.

Quando cerco certezze, mi vengono in mente i numeri… Provo a incastrarli, così come facevo da bambino, alla ricerca di una soluzione. I numeri mi stimolano ragionamenti logici, pensieri dai quali uscire con una certezza o nei quali rimanere impigliato per sempre.

I numeri hanno la stessa distanza tra loro: 1955, 1956, 1957, 1958… Non è vero!

Erri De Luca ha scritto che due è il contrario di uno. Due: condivisione; Uno: solitudine, ma comunque vita.

Due è il doppio di uno, ma uno non è il doppio di zero.

Zero non esiste.

Tra zero e uno c’è una distanza incolmabile; zero e uno: il nulla e la vita.

Zero non esiste. Zero è nulla.

Cosa è il nulla? Se cerchi di dargli una dimensione scompare.

E così, tra un numero l’altro, mi vengono in mente i numeri dettati dalla Società Europea di Cardiologia per le linee guida sull’Ipertensione Arteriosa, uno dei maggiori fattori di rischio delle malattie cardio-cerebro-vascolari e prima causa di morte nel mondo. Mantenere i valori di pressione arteriosa al di sotto di 140/90 mm Hg è corretto.

La terapia deve assolutamente tendere a questo obiettivo, ma non è affatto semplice coglierlo. Lo sa il medico, lo intuisce il paziente. A volte però i numeri non bastano. La terapia richiede un sottile equilibrio.

Bisogna considerare le variazioni, a volte importanti, tra i valori pressori rilevati in estate e quelli durante l’inverno, le differenze tra quiete e stress, tra i valori che il paziente rileva autonomamente a casa e i valori rilevati in ambulatorio dal medico. È necessario sapere che le variazioni della pressione arteriosa, a volte anche al di sopra dei valori normali, possono essere fisiologiche.

La terapia deve ridurre la pressione, ma non in modo eccessivo. Inoltre, per evitare sproporzionate preoccupazioni, è importante sapere che le emergenze ipertensive non sono legate ai valori della pressione arteriosa, ma allo stato di salute dell’apparato cardiovascolare.

È utile misurare la pressione arteriosa anche in piedi, in modo particolare nell’anziano, perché nel passaggio alla postura eretta potrebbe verificarsi un’ipotensione ortostatica, calo eccessivo della pressione arteriosa, e non considerare questa evenienza potrebbe portare a una terapia eccessiva, con il rischio di sincope.

Dunque i numeri, a volte, non bastano e come in questo caso devono lasciare spazio alle parole… e diventa fondamentale il colloquio tra medico e paziente per ottimizzare il controllo dei valori pressori in tutte le condizioni.

Ritorno infine ai numeri astratti e mi perdo tra zero e infinito, tra numeri e parole.

di Vincenzo Capuano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.