Tariffa sui rifiuti: Salerno la quinta città più cara d’Italia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
15
Stampa
Gli italiani pagano in media 300 euro l’anno di tariffa rifiuti, appena un euro in più rispetto al 2018. Ma in quasi la metà (51) delle 112 province italiane sono stati riscontrati aumenti, contro le 34 in cui la tariffa è diminuita. Lo riporta la Repubblica.it

La regione dove il servizio costa meno è il Trentino Alto Adige (190 euro l’anno), dove però si è registrato l’aumento più elevato a livello regionale (+3,9%) dopo la Basilicata (+7,9%). A livello comunale invece i due estremi sono al sud: Catania la città più cara (504 euro l’anno), Potenza la più economica (121 euro).

I dati sono il frutto dell’indagine dell’Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva. E’ stata presa come riferimento una famiglia tipo composta da tre persone e una casa di proprietà di 100 metri quadrati.

Le regioni in cui la Tari è diminuita nel corso dell’ultimo anno sono davvero poche: il Lazio (-2%, con Roma che cala del 4,1%), l’Emilia Romagna con un -0,8%, le Marche (-1,4%), la Sicilia (-1,3%) e la Valle d’Aosta, dove la diminuzione è stata la più consistente con il -2,3%. Chiude la Campania con -0,2%, dato poco consolante dal momento che la regione è ancora la più cara d’Italia con una tariffa media annua di 421 euro.

L’indagine ha tenuto conto anche della percezione che hanno i cittadini: due su tre (il 68,2%) ritengono di pagare troppo. E tra le prime quattro regioni, tre sono del sud: Sicilia (83,4%), Umbria (80,2), Puglia (79,2) e Campania (78,4). Solo il 28,2% degli italiani pensa che la tariffa sia adeguata al servizio, con punte del 66% nella provincia autonoma di Bolzano, 48% in quella di Trento e 43% della Lombardia.

Interessante anche l’analisi che è stata fatta sulle carte dei servizi. Si tratta di documenti molto importanti, con i quali l’amministrazione e l’azienda si prendono impegni nei confronti dei cittadini, cartine di tornasole anche per valutare la trasparenza nei confronti dei contribuenti. Quello che emerge è sconfortante: solo 6 comuni su 10 l’hanno elaborata o resa disponibile.

Un Comune su tre non spiega neanche quale tipo di raccolta effettua e solo metà si prende impegni sulla frequenza della raccolta. Ancora più raro (meno della metà, il 47%) è che i cittadini possano sapere quanto spesso vengono igienizzati i cassonetti, pulite le strade (37%) o svuotati i cestini per strada (25%).

Meno della metà delle carte dei servizi spiegano ai cittadini se il ritiro a domicilio dei rifiuti ingombranti è gratis o a pagamento ma, perlomeno, quasi tutte forniscono informazioni su come smaltire in modo corretto alcuni rifiuti particolari come i Raee, gli oli esausti o le batterie scariche.

I DIECI CAPOLUOGHI PIÙ CARI

Capoluogo Tari 2019
Catania 504 €
Cagliari 490 €
Trapani 475 €
Benevento 471 €
Salerno 467 €
Napoli 455 €
Reggio Calabria 443 €
Siracusa 442 €
Agrigento 425 €
Messina 419 €
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

15 COMMENTI

  1. E sennò gli amichetti di Giggino o’ sfasulato , e i seguaci di Capitan Pesce Palla … che argomenti avrebbero?

  2. Un grazie a questa amministrazione comunale che ormai da decenni ci sta facendo un vero e proprio salasso con questa tassa… e facciamo anche la differenziata…! mi chiedo ma tutti questi soldi dove vanno a finire?

  3. ….ma quando si vive nella Montecarlo del sud, tutto costa in più !!
    Certo che se la notizia arriva all’orecchio del Principe Grimaldi, chiederà di fare il gemellaggio…
    Aiutatelo.

  4. perchè le pagano in pochi. Ve lo siete mai chiesto? L’abbonamento RAITV costa di meno da quando, essendo addebitato in bolletta ENEL, devono pagarlo tutti.

  5. X forza. Altrimenti i fighetti al comune ..come li fanno…..i fighetti ..con le giacche a quadri….

  6. come si puo discutere con uno col prosciutto ideologico messa da tutte le parti come quel xxxx delle 12.04??? su un articolo in cui si parla di una GRAVE “disservizio” che poi tocca pure il penale considerando il tema, beh lui trova il modo di attaccare un salvini o altri! ma sei proprio zzzzzzz. Al governo di Comune, Regione e ora pure dell’Italia ci sta un solo partito, si chiama pd, forse non ve ne siete accorti ancora.

  7. Forse perché dobbiamo mantenere il carrozzone politico di Salerno Pulita? Serbatoio di voti come Salerno Mobilita. Le elezioni sono vicine. E’ finit a zizzinell.

  8. Si però la città è pulita e funziona tutto.
    Il Sindaco si fa anche i selfie quando puliscono qualche strada….
    Gli operatori mandano i filmati a Lira TV per far vedere che hanno spazzato una strada e Lira TV li trasmette…….
    Siamo alle comiche…..
    Basta con favoritismi a figli ed appartenenti alla casta. Basta……

  9. altri commenti scomparsi pure qui… che tristezza. quando salvini di fa i selfie i compagni pd criticano, poi quando li fa il sindacopd tutto ok. per non parlare dei monologhi tv da anni senza contraddittorio

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.