Sugar Tax, un boccone amaro (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
La manovra economica varata dal governo parla, fra l’altro, di “Misure fiscali a tutela di ambiente e salute” e all’articolo 82 fa specifico riferimento a una sugar tax. Il disegno di legge prevede una imposta sul consumo delle bevande analcoliche, intese come prodotti finiti come ad esempio i succhi di frutta o come la birra analcolica, acque minerali o gasate con l’aggiunta di zuccheri, dolcificanti o aromi della nomenclatura combinata dell’Unione Europea, ottenuti con l’aggiunta di edulcoranti e che hanno un titolo alcolimetro inferiore o uguale a 1,2 per cento in volume.

L’imposta prevista per tali tipologie è di 10 euro per ettolitro per i prodotti finiti e in 0,25 euro per chilogrammo per i prodotti predisposti a essere utilizzati previa diluizione.

Il fondamento economico di tale tassa – a carico del soggetto produttore – è quello di correggere gli effetti negativi dovuti al sovra-consumo di prodotti alimentari a elevata densità energetica e ricchi in zucchero, che generano costi sanitari per la società imputabili alla diagnosi e alla cura di patologie quali obesità e diabete. I consumatori non in grado di limitare l’assunzione di una bevanda zuccherata, potrebbero beneficiare di un sistema di tassazione che li aiuta a ridurne il consumo.

Tuttavia, l’attuale formulazione della sugar tax italiana, pur se nobilitata dallo scopo di finanziare scuola ed istruzione in generale, scontenterebbe un po’ tutti, anche perché sembrerebbe che, al di là delle motivazioni addotte e delle molteplici interpretazioni date, punti precipuamente a far cassa.

Le aziende produttrici non nascondono forte preoccupazione; per molte, una simile tassa rappresenterebbe un colpo ferale all’intero sistema, segnatamente nel Mezzogiorno. Si pensi, ad esempio, ad una importante azienda campana, la IBG – produttrice e distributrice per il Sud, fra l’altro, dei prodotti Pepsi e delle storiche bevande Neri in Italia e all’estero – che non attinge a finanziamenti pubblici, né ad ammortizzatori sociali.

Se il Governo approvasse la Sugar Tax così com’è concepita, dovrebbe sostenere un esborso di 15milioni di euro. Non è difficile immaginare quali riverberi, dalla filiera al consumatore finale, un simile costo sortirebbe.

È evidente che un simile provvedimento non possa più fare retromarcia, ma da quanto emerge, si rende necessario apportare dei correttivi. Va assolutamente salvaguardata la salute del cittadino, ma vanno altresì tutelati lavoratori ed imprese, che nel settore, rappresentano una fetta importante per la economia del Paese. C’è il rischio concreto che in questa battaglia a risultare “superflui” non siano solo gli zuccheri, ma anche migliaia di posti di lavoro.

di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.