Tifosi a Jallow: “Nella nostra storia abbiamo fischiato mostri sacri…”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
16
Stampa
Nonostante le scuse (in inglese) di Lamin Jallow in queste ore sui social non si placa la polemica dei tifosi granata nei confronti del gambiano. In molti ricordano e sottolineano che Salerno è una piazza che non ha lesinato fischi anche nei confronti di calciatori (non ce ne voglia Jallow) più titolati. Il caso della storia narra di un giovane Walter Zenga che usci con le lacrime dopo un balordo esordio casalingo. Ma i 15mila del Vestuti non riparmiarono fischi e critiche verso Ciccio De Falco bomber della B sceso in C1 ma autore di una stramba stagione. E chi non ricorda cosa passò un altro bomber storico della terza serie? Marco Romiti a Salerno dovette preparare la valigia di fretta. E come non ricordare i fischi per Grassadonia (salernitano doc) preso di mira anche per un’esultanza quando militò nel Cagliari per una vittoria dei sardi contro la Salernitana in serie A. Ma di ricorsi ce ne sono tanti. Un certo David Di Michele con un battibecco del bomber e la tribuna dopo il gol alla Pistoiese (fu Sonetti in sala stampa a ricucire lo strappo). E ancora Marco Di Vaio quando nelle prime giornate di serie A perse il suo smalto di cecchino infallibile. Per passare poi a Bombardini, Di Vicino e negli ultimi anni Ciccio Foggia, Rosina, Di Gennaro e in ultimo Cerci. Nessuno ha reagito cosi. E forse questo ha fatto imbufalire ancor di più la tifoseria del cavalluccio…

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

16 COMMENTI

  1. A Salerno è stato fischiato anche Donnarumma che poi è diventato capocannoniere della serie B per due stagioni e ha segnato anche in serie A. Riprova che chi fischia è spesso anche un incompetente calcistico.

  2. tutti possono essere fischiati e nessun giocatore può reagire come nei modi di come ha fatto yallow, questo e un punto fermo, è inutile che girate attorno per difenderlo, la dignità di chi paga il biglietto non può essere calpestata da un calciatore scarso e viziato e soprattutto un uomo che deve crescere ancora.

  3. io direi di fare un passo indietro tutti. fischiare per un errore mi sta pure bene, perchè allo stadio diventiamo tutti più passionali. accanirsi per tutta la partita è inutile e non fa altro che innervosire i calciatori, soprattutto quelli più sensibili. le reazioni come quella di Jallow sono sempre sbagliate e soprattutto pericolose, ma accettiamo le scuse e andiamo avanti

  4. I fischi ci stanno, ci mancherebbe. Ma ieri il calciatore ha parlato di insulti razzisti…. e questo no, non va bene! Criticare e fischiare è un diritto sacrosanto di ogni tifoso; insultare un calciatore per il colore della pelle ed offendere i familiari… questo no!
    Salerno merita rispetto ma ha sempre rispettato chi indossa la gloriosa maglia e la onora.

  5. Ma quali insulti razzisti… Ma quando mai. Lo hanno fischiato perché si atteggia a maradona ma è solo un presuntoso e scarsone. Poi per appararsi ha messo gli insulti razzisti in mezzo. Ricordo i tempi di Masinga… Ogni volta che prendeva il pallone si sentivano gli uuuuuu e non si è mai permesso di fare quello che ha fatto sto cretino. Forse perché sapeva che quegli uuuu non erano cori razzisti ma solo un modo per incitarlo. A Salerno soprattutto in curva non c’è mai stato nessun caso di razzismo e non ci sarà mai.

  6. “Abbiamo fischiato questo e quell’altro”
    ECCO spiegato il perché siete provinciali e non vi meritate la serie A

  7. Ma chi li scrive questi articoli? Addirittura che Zenga fu fischiato? Io c’ero, non dite stupidaggini: Zenga contro il Pisa commise due grossolani errori con due gol subiti da Di Prete. Alla seconda cappellata, chiese il cambio ed uscì in lacrime ma con gli applausi del pubblico del Vestuti di allora. Gli altri aneddoti sono veri su Di Michele, Di Vaio e Grassadonia, ma non c’è da essere orgogliosi, anzi…

  8. sinceramente nemmeno merita un articolo il caso Jallow, stiamo dando troppa importanza a un giocatore che non vale così tanto, e che non fa nulla per farsi amare dai tifosi della sua squadra, vengono fatti vari esempi in questo articolo, ma ognuno di questi ha la sua storia, i giocatori che hanno onorato la maglia, a Salerno sono stati osannati e lo saranno a vita, nello stesso tempo chi non onora la maglia si prende critiche fischi e tutto il resto, il caso Grassadonia lo metterei da parte, perchè stiamo parlando di un disonesto traditore che ha preso in giro una città che tra l altro per il calcio ha più sofferto che gioito, e stiamo parlando della sua stessa città.

  9. A Milano hanno fischiato un certo PAOLO MALDINI.. questo per dire che i tifosi fischiano a prescindere del giocatore che sei o sei stato.

  10. X tutti quelli che irridono la Salernitana , sono invitati a mettere il volto con il commento se si hanno attributi …..A Salerno nello Stadio il rispetto devi guadagnartelo facendo quello x cui sei pagato a prescindere da come sia il tuo nome !

  11. Fischiare Jallow a fine partita ci può stare soprattutto per chi paga “davvero” il biglietto per vedere questo spettacolo deprimente che offre annualmente la proprietà Salernitana. Durante il match, però, il pubblico salernitano (distinto tra chi mediamente è incompetente visto che ha visto quasi sempre la serie C e quelli sempre presenti perchè si ritengono più tifosi di altri che si stanno a casa) dovrebbe stimolare gli “Jallow di turno” a dare di più visto che in campo di cose buone se ne vedono mediamente molto poche… Quando cresceremo dalla mediocrità provinciale??? Quando questa città avrà una gestione calcistica che possa competere per il vertice della serie B in modo da giocarsela davvero con tutti??? Siamo ancora in attesa anche nel 2020. Sempre Forza Salernitana.

  12. Avete dimenticato Cataldo Gambino, che avrebbe poi giocato in serie b e in seria a, che fu picchiato forte dopo salernitana barletta, ero presente, subito dopo il cancello di uscita nell’anti stadio, lo ricordo benissimo, seduto per terra e i tifosi che lo prendevano a pugni in testa.. Addirittura Mauro Pantani dopo Salernitana Trani, un tifoso singolo per la verità, cercò di colpirlo con un pugno, e mio fratello bloccò il cazzotto con il palmo della mano.. Certo erano gli anni sessanta, altri tempi..

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.