Pacchi e pacchetti: una montagna di rifiuti da smaltire (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Non importa come la si scarti e se poi si riveli o no una sorpresa; il momento di spacchettare la strenna si celebra come un vero e proprio rituale, una piccola magia che aiuta a ravvivare il legame tra parenti, amici, o più semplicemente fra persone che intrattengono rapporti di reciprocità.

Tuttavia, così come sostiene Carlo Montalbetti, direttore generale del Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosa (Comieco), ci sarebbe da tenere sempre ben presente che “Quando arriva Natale è evidente che siamo nel pieno dell’utilizzo degli imballaggi e delle confezioni regalo: dunque è molto importante prestare un minimo d’attenzione alle caratteristiche dell’involucro, conferendolo alla raccolta differenziata e separando la carta da plastica e metalli”.

Per averne contezza, basterebbe riflettere su quale sia il destino di quella enorme mole di packaging che all’indomani del 25 e 26 dicembre ritroviamo nei pressi delle nostre abitazioni. Si osservi che tra Natale e Santo Stefano, 25 milioni di famiglie producono più di 3 chilogrammi di rifiuti da imballaggi, tra confezioni di panettoni, pacchetti acquistati online, confezioni di torrone e carta e cartoni dei regali.

Solo in quei due giorni vengono prodotte 75mila tonnellate di carta e cartone: praticamente la capacità complessiva di una discarica di dimensioni medio-piccole. In linea con altri Paesi Ue, in Italia il riciclo degli imballaggi ha raggiunto livelli molto elevati: riguarda l’81,1% della carta (viene raccolto con la differenziata l’88,8%) e il 76,3 per il vetro. Per la cellulosa, nel 2018 si è nientemeno superato l’obiettivo imposto per il 2025.

Resta il problema della plastica, considerato che solo il 43,5% viene realmente trasformato in nuovi oggetti – peraltro di qualità spesso inferiore rispetto a quelli originali – mentre il 40% finisce nei termovalorizzatori per la produzione di energia ed il 16,5 addirittura in discarica.

Un primo, semplice contributo alla causa potrebbe provenire dall’utilizzo di imballaggi riciclabili, magari tornando alle buone pratiche d’un tempo. Come non pensare, ad esempio, alle bellissime scatole di latta delle nostre nonne? Confezioni che si prestavano magnificamente per essere riutilizzate, in tanti modi, in casa e non solo.

Oltretutto, se ci pensiamo, come nella vita, il vero limite è che spesso si bada più al contenitore che al contenuto.

Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.