Operaio salernitano torna dal lodigiano il sindaco lo mette in quarantena

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
Il sindaco di Polla, Rocco Giuliano, con apposita ordinanza ha disposto che un cittadino di Polla e l’intero suo nucleo familiare rispettino la quarantana di almeno 15 giorni per precauzione. Il giovane infatti secondo quanto si legge sull’ordinanza del sindaco è stato di recente in una zona focolaio del virus per la quale sono scattate le zone interdittive in entrata ed uscita  (Zona del Lodigiano: Ospedaletto Lodigiano e Turano Lodigiano).

Il sindaco invita il suo concittadino «che presenta stati febbrili come lui stesso ha riferito, a  prendere contatti con le  autorità sanitarie competenti, al fine  che  venga verificato il suo perfetto stato di salute e della sua stretta cerchia  familiare per avviare la profilassi necessaria». È fatto divieto inoltre di «allontanarsi dalla propria abitazione per almeno 15 giorni e di avere contatti con altre persone».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. Lo dico senza cattiveria,perchè non si è fatto la quarantena li e poi rientrava?E meno male che non dovrebbero far uscire nessuno dalle zone rosse,però se ne sono fregati se questo poveretto che ha anche la febbre tra l’altro,potrebbe infettare concittadini di una zona non infetta,con tutte le conseguenze.Io mi chiedo se era tutto al contrario se se lo sarebbero preso.E pure è chiaro il problema e cioè contenere i focolai e non trasportare il virus in zone dove non c’è,solo cosi si può sconfiggere il virus,contenendolo e infettando il meno possibile,specie ripeto dove il virus non è presente,e questo vi sembra logico???

  2. Spero di sbagliare,ma credo che questi,e mi riferisco pure a quelli delle zone rosse dove sono presenti i focolai e anche quelli come questo signore che proveniente da una zona rossa e in piu con la febbre addirittura,tanto fanno fin quando non ifetteranno zone tutt’ora sicure.

  3. cervelli all’ammasso qui sopra …
    come dicevo, per polmonite in Italia muoiono ogni anno in media 8-11mila persone, cercatevi i dati Istat. C’è un articolo ANSA del 2018 in cui titolano proprio “La polmonite causa 11.000 morti l’anno, prevenirla è possibile” e altro del 2018 che titola “Polmonite, nel 2018 morti 800 mila bambini nel mondo” di Novembre 2019!
    Questa è la base, ora rispetto a questa BASE secondo voi 300 casi e 8 morti ultraottantenni anche gravemente malati (cancro, dialisi, etc) sono un’emergenza??? bahh

  4. Ma non c’è il divieto di entrare e uscire dalle zone cosiddette rosse? Come fanno questi irresponsabili perché questo di Polla non è l’unico, a eludere tutto ciò? Significa che le decantate misure di questo governo abusivo non esistono

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.