‘Caro Coronavirus…’ sul sito del Comune di Codogno la lettera al Covid-19

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
“Caro Coronavirus, come stai”? Inizia così la lettera aperta al Covid 19 scritta da una cittadina anonima e pubblicata sul sito del Comune di Codogno. Una lettera tra ironia e orgoglio per quel popolo “cazzuto” addestrato alle intemperie della vita dove la ‘R’ rulla più che in Francia e per un cinese sarebbe impronunciabile.

“Vorrei soffermarmi sulla tua scelta di arrivare in pianura padana- si legge nella missiva -, nella fattispecie a Codogno. La questione mi tange, sono nata e ho vissuto lì per molti anni, i miei cari ancora abitano lì quindi lasciami il piacere di presentarti Codogno ed i suoi abitanti. Per prima cosa sappi che tutti, ma proprio tutti, abbiamo una meravigliosa R di cui andiamo molto orgogliosi.

E non credere a chi ti dice che è la R alla francese o la R di Parma. È la R di Codogno e su questo non si discute! Scommetto che tu, che la R non la sai dire perché sei cinese, farai un po’ ridere chiamandoti Colonavilus e ti presenterai in maniera pomposa come Covid 19”.

Quindi il messaggio di sfida: “Tu lo sai che la gente di quei posti è temprata dalla nascita? Guarda che noi abbiamo la nebbia, il ghiaccio, il Po che fabbrica zanzare, allevamenti a non finire e spesso quello che chiamiamo ‘profumo di campi’ è l’odore del letame usato per concimare! C’è persino una poesia – ricorda l’anonima autrice – dedicata ai nostri mucchi di letame! Abbiamo la fiera del bestiame a novembre e la frequentiamo fin dalla prima infanzia”.

“Andiamo a vedere vacche e suini e ci mangiamo pane e porchetta e il frittellone caldo con un olio talmente esausto che ti lascia odore di fritto fino a Natale! E tutto ciò lo facciamo al freddo”, sottolinea nella lettera. “E tu te ne arrivi a febbraio con la temperatura mite a spaventare sta gente? Suvvia”!

“Un’altra peculiarità di Codogno è che da sempre la gente si lamenta che a Codogno – conclude la lettera – non si organizza niente e se si organizza non c’è risposta. Tu arrivi lì a scatenare l’epidemia? Sei un po’ ridicolo! Ti comunico che, se decidi di prolungare il tuo soggiorno, a maggio si organizza sempre la ciclolonga delle Rose, ti abbiamo fregato ancora con la R. Dammi retta, procurati degli squisiti biscotti Codogno e della buona cotognata e torna da dove sei venuto perché sta gente lombarda è piuttosto cazzuta”.

fonte AdnKronos

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.