Coronavirus, gli scenari: si va verso la chiusura totale. L’Italia si blinda

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Tra una settimana si chiude proprio tutto. Tra una settimana scopriremo che finora abbiamo solo scherzavo, allacciate le cinture perché a quanto circola negli ambienti ministeriali si chiude tutto. Speranza, titolare del dicastero della salute, consulta i suoi esperti e lo stesso fa il premier. Entrambi osservano le decisioni che sta prendendo la Lombardia, che aprirà i giochi e sigillerà ogni attività. Lo scrive Francesco Storace su Affaritaliani.it

Tempo poche ore, al massimo giorni, e toccherà a tutta la Nazione. Per ora stanno sotto coperta, ma la decisione sarebbe imminente. Il coronavirus lo sconfiggi solo se togli tutto di mezzo. Compresi trasporti e negozi, gli ultimi baluardi della resistenza dell’uomo. Faremo la spesa solo al mattino e una volta ogni due giorni. Senza bisogno di risse, basterà organizzarsi in famiglia. Se vogliamo uscire da questo morbo spaventoso la strada scelta sarà quella.

Si chiude tutto

In pratica il coprifuoco. E la Lombardia si è appunto già portata avanti. È inutile aspettare ancora, diventa un’agonia. Meglio chiudere gli uffici come i negozi, tranne quelli che vendono generi alimentati. Ridurre allo stretto necessario i servizi di trasporto.

La giunta Fontana ci sta lavorando e ne ha parlato con diversi sindaci lombardi. La voce è rimbalzata a Roma e si stanno valutando pro e contro. Il governo si è già attirato molto critiche ogni volte che si è mosso e non vuole più essere accusato di sfracelli. “Le mezze misure, l’abbiamo visto in queste settimane, non servono a contenere questa emergenza”, ha detto Attilio Fontana, governatore di una Lombardia stremata dal coronavirus.

Roma come la Lombardia

E’ evidente che Roma non potrà stare a guardare e sarà tutta Italia ad agire allo stesso modo. Il compito del governo sarà anche quello di produrre provvedimenti economici per non distruggere definitivamente l’economia di famiglie e imprese. Chi non può lavorare deve essere aiutato e non ammazzato. Partendo da mutui e bollette da sospendere. Ma sarà solo l’inizio.

fonte Affaritaliani.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.