Coronavirus: oltre 30 mln di euro di danni per i florovivaisti della Campania

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
L’emergenza Coronavirus ferma il settore florovivaistico campano. Crollo degli ordini, piante rimaste invendute, steli non raccolti, export praticamente fermo, serre piene, mancanza di spazio e continui ordini disdetti dalle regioni del nord Italia, tanto che si ipotizza una perdita in termini di produzioni di oltre 30 milioni di euro. Una situazione che con il passare dei giorni sta diventando sempre più critica e il tutto sta avvenendo proprio nel momento di maggiore produzione per il comparto.

Il Consorzio Produttori Florovivaisti Campani ha predisposto una scheda di valutazione dei danni subiti dalle aziende a seguito dell’emergenza Coronavirus che sarà messa a disposizione di tutti gli operatori del comparto (scaricabile anche dal sito www.gaiaflorum.com) in modo da quantificare per ogni singola azienda le perdite registrate e che sarà parte integrante della richiesta di misure urgenti che la prossima settimana sarà inviata a Regione e Ministero: “Abbiamo bisogno che Regione e Ministero ascoltino le nostre richieste e allo stesso tempo si provveda a mettere in campo iniziative concrete a sostegno del comparto. Lo scenario futuro, in termini economici, non è dei migliori, bisogna intervenire con azioni mirate” – è la richiesta del Consorzio.

La situazione con il passare dei giorni, però, sta diventando insostenibile: “Dalla Piana del Sele al Vesuviano stiamo registrando situazioni analoghe. Tanti nostri consorziati sono costretti a distruggere la produzione a causa di un blocco pressoché totale del mercato” – fanno sapere dai vertici del Consorzio Produttori Florovivaisti Campani.

Il Consorzio già prima delle misure più stringenti per contrastare il contagio da Coronavirus, che hanno prodotto la chiusura anche dei mercati all’ingrosso, aveva lanciato il suo grido d’allarme. La scorsa settimana i vertici del Consorzio, che conta oltre 250 iscritti tra operatori del settore e cooperative, avevano provveduto a chiedere ufficialmente l’apertura di un tavolo di confronto con Regione Campania e Ministero dell’Agricoltura per studiare misure di sostegno per il settore.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.