Continua la fuga al Sud in treno da Milano, assalto ai vagoni e rischi igienici

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
24
Stampa
Ancora assalto ai convogli ferroviari diretti al Sud, ancora rischi di assembramento alla stazione di Milano, ancora promiscuità di viaggiatori nelle carrozze verso le stazioni del Meridione. Alla stazione centrale si è registrato il pieno sulle tratte Milano-Siracusa-Palermo delle 20,10 e, soprattutto Milano-Lecce delle 20,50. In molti, soprattutto studenti delle principali università della Lombardia, hanno deciso di mettersi in viaggio, temendo – come riporta l’edizione milanese del sito web repubblica.it – che dopo lo stop dei voli aerei si possa arrivare anche ad una drastica riduzione dei treni, alla luce del dilagare del contagio del coronavirus soprattutto al Nord. “Non ci sono più voli, l’unica soluzione per lasciare Milano è  questa”, diceva un giovane viaggiatore diretto a Palermo. 

Il personale viaggiante però  denuncia: “Non ci sono garanzie di sicurezza sanitaria, la gente è disposta a viaggiare tutta la notte con persone sconosciute. Inoltre, lamenta la mancanza di sicurezza igienica sia per sé  che per i viaggiatori. Stretti i controlli della polizia ferroviaria sugli accessi, gli agenti fanno mantenere rigorosamente le distanze di sicurezza e esigono l’autocertificazione.  Ma come diceva uno di loro, “non si capisce perché  tutta questa gente possa partire, visto che l’ultima ordinanza ha fermato l’Italia”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

24 COMMENTI

  1. l’ignoranza, l’irresponsabilità di queste persone che mettono in serio pericolo il centro – meridione de paese deve essere fermato con metodi energici; arrestati o multati. Possibile non capiscono che è una guerra e loro saranno complici di morte.

  2. questo è il governo. Di una superficialità disarmante. È tutto inutile quello che stiamo facendo se poi arrivano vagonate di persone dal nord.

  3. Bloccate i treni! Qua facciamo sacrifici enormi, e questi sembrano fare di tutto per vanificarli.
    Blocate i treni, identificateli ad uno ad uno. Quarantene obbligatorie!

  4. denunciateli tutti e rimandateli indietro,le regole sono per tutti e vanno rispettate

  5. Movimentazione limitata x lavoro, approvvigionamento alimentare e farmacologico……questi a che titolo viaggiano? A che serve il decreto? A che servono sanzioni e denunce? Aldilà dei casi “particolari” e comprovati non da una semplice autocertificazione, per gli spostamenti interregionali, quello che accade oggi è la dimostrazione di quanto noi ITALIANI siamo Farisei , bravi a dettare le regole ma non ad applicarle!!!!

  6. Ma bloccate sti cazz e tren!!!
    E chiudere i tabacchini!!!
    Il virus si moltiplica col fumooooo!!!
    Fumiamo da soli ed all’aperto!

  7. SALVINI lo va dicendo da settimane che bisogna fermare tutto (autobus, treni, aerei, ecc.)
    Se si lascia circolare la gente sui treni o sugli aerei o, peggio, sui bus che fanno le tratte Nord/Sud, non si fermerà mai la circolazione di questo virus…
    Ancora non si è capito?
    TRENITALIA e ITALO devono fermare i loro treni e, approfittando di queste soste forzate, sottoporre i vagoni ad una disinfestazione accurata e profonda
    È inutile fermare la gente che cammina per strada davanti alla propria abitazione o chiuddre i bar e le pizzerie se poi si lascia la possibilità ad altri di lasciare il Nord diretti nelle Regioni del Sud

  8. ci vuole il coprifuoco e le legge marziale, altrimenti non ne usciamo, e se servono un paio di mesi di Stato di polizia , con leggi speciali, facciamo in modo che ci siano: tantissimi idioti, ancora non hanno capito la reale portata del perricolo, e fanno come se LORO, fossero immuni…..

  9. Ma come è possibile questo? Ma come L’Italia è in quarantena e si permette a persone che vengono dal pieno dei focolai di muoversi tranquillamente, ammassati e, soprattutto, verso il sud? Per carità capisco che ognuno vuole stare, nei momenti di bisogno, con i propi cari… Però così si rischia realmente la catastrofe, soprattutto al sud. A questo punto poi ti viene il dubbio….sempre se la notizia è vera.

  10. Queste cose bisogna controllare. Perchè lì puo avvenire il contagio. Ma lo sceriffo ha paura a salire sul treno? Ah già lui è privilegiato sui treni non ci và. Fà ordinanze regionali pure contro il suo presidente del consiglio, il suo governo.

  11. perchè noi italici siamo una banda di pecoroni ai quali piace trasgredire , se avessero detto muovetevi liberamente , sarebbero rimasti tutti a casa loro

  12. Poi cantiamo alle 18,00 l’inno ma in effetti facciamo ridere siamo un popolo di paurosi sempre pronti a scappare, state al nord e restateci tanto il virus l’avete già portato da noi la settimana scorsa. Ora fuggite dal nord ma purtroppo grazie a voi ed agli altri fuggiaschi farete come il gioco delle biglie “scappa e piglia”

  13. Bisogna chiudere stazioni ed aeroporti, così voglio vedere come scendono questi irresponsabili. Inconcepibile che non siano stati fermati

  14. VERGOGNA,PIRTARE IL VIRUS AL SUD DOVE LA SANITÀ È DAVVERO PRECARIA..DIO VI PUNIRÀ, INFAMI

  15. Ma ancora che ve la pigliate con sti poveri Cristi? Il virus è in giro da molto prima del primo caso a Codogno e fino a settimana scorsa gli aeroporti erano aperti a tedeschi e quant’altro compreso capodichino. Il decreto non vieta il ricongiungimento familiare e il ritorno alla propria residenza o domicilio. Inoltre è altamente offensivo nei confronti di chi ha fatto il sacrificio di muovere per darsi un futuro ridurre il tutto al ritorno da mammina. Voi che scrivete con chi la state facendo la quarantena? Da soli e lontani da casa dalle vostre mogli o compagne o dalla vostra famiglia? Io penso che probabilisticamente la maggioranza sta da mammà a magnà parmigian e purpett oppure con la vostra compagna a riscaldarvi nel letto…e com è bell a parlà ngopp i spall ra gent! Perchè non vi lamentate dei tagli alla sanità del fatto che il sud è strutturalmente più esposto del fatto che da quando è successo in Cina l’Italia intera non si è premunita? No è più facile la caccia alle streghe! Bene allora io vi dico che tra un mese le streghe sarete voi!

  16. Quanta ignoranza leggo in questi commenti.le misure di chiudere tutto andavano prese a gennaio,si contaggiavano meno gente è ne morivano molto meno.questo succede quando un governo e incapace di decidere provvedimenti importanti.allora io dico che dopo che finisce questo incubo il governo 5STELLE/PD si deve dimettere e dare a noi italiani il diritto Come sancito nella costituzione di votare un governo legittimo.

  17. Sarò io che non ci arrivo..
    Ma non riesco proprio a capire a cosa serva restare chiusi in casa se poi permettono a persone di andare e venire da diverse regioni, prendere treni.. Gli stessi che potrei incontrare al Supermercato, o se non loro, qualcuno dei loro parenti.. Bho.. proprio non capisco..

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.