Covid, la testimonianza: “I miei 40 giorni in terapia intensiva, che figata!”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
Riproponiamo l’amaro sfogo di un lettore della testata Fanpage, Claudio Pau, che sui social si fa chiamare Brigante a ruota libera. Il giovane ha deciso di raccontar e con estremo sarcasmo e intelligenza, cosa vuol dire essere in terapia intensiva, senza avere il controllo del respiro, con la tua vita appesa a un filo.

LA LETTERA PUBBLICATA SU FANPAGE

“E tu? Hai già provato la terapia intensiva? Amico mio, sei mai stato in terapia intensiva? Devi proprio andarci, non te la puoi perdere! Fenomenale non riuscire ad avere neanche più il controllo del proprio respiro! Sentire la trachea riempirsi di muchi e non poter parlare per chiamare qualcuno mentre si pensa che quelli possano essere gli ultimi attimi della tua vita.

E questo per tante volte al giorno, ovvio. Dico tante e non 10, 100 o 1000, perché il tempo non esiste più. Non sai se quelle lancette stiano indicando le 4 o le 16 dove la differenza la si comprende dall’entrata o meno dei propri cari. Almeno quando non sei in uno stato di quarantena, si capisce!

Quel letto diventa il tuo tutto, che comodità: bagno, doccia, sala da pranzo… ah no, dimenticavo che il pranzo arriva allo stomaco dal naso tramite un tubo… che gusto!!! Che ridere quando i polsi ti vengono legati al letto in attimi in cui la follia decide di prendere il sopravvento.

E il tuo migliore amico? Il controsoffitto che ti tiene compagnia nell’insonnia sancita dagli allarmi delle apparecchiature che ti aiutano a non lasciare questo mondo. Le allucinazioni poi? Wow… non puoi non provarle! Ritrovarsi in altri luoghi con la testa abbandonando tutto. Tutto tranne il dolore, che figata!

Si dai, magari usciamo anche questo weekend e ci vengono a prendere direttamente con l’ambulanza, sperando ovviamente che i letti non siano stati occupati tutti dalle persone che abbiamo contagiato con l’uscita dello scorso weekend. Questo può essere un problema…

Forse è meglio restare a casa dai, che ne dici? Avete presente quando ad un bimbo dite “Bravo, così impari!”? Ecco, è quello che probabilmente diremo a speriamo non troppe persone tra qualche giorno!”

Fonte: Fanpage.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Stiamo a casa, obbediamo, senza discutere si no però forse, lo fa x le elezioni, è meglio così è meglio colá, io ho il diritto di…., non mi si può impedire di…..
    STIAMO A CASA

  2. Ed invece c’è chi ha preso questa emergenza come una vacanza….per correre e girovagare in bici!!!

  3. ieri l’altro al supermercato ,una cliente richiamata dal fatto che era troppo vicina al cliente che la precedeva,richiamata dalla cassiera ,ha risposto arrabbiata”mica siamo al terzo mondo,non esageriamo”.
    Come vedete non tutti hanno capito la gravità del momento.
    Purtroppo l’ignoranza uccide.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.