Coronavirus: cinque persone positive a Salerno e provincia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

L’Unità di Crisi della Regione Campania comunica che dal pomeriggio di oggi sono stati esaminati: presso il centro di riferimento dell’ospedale Cotugno 213 tamponi, di cui 44 risultati positivi; presso l’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona 29 tamponi di cui 5 positivi; presso l’ospedale Moscati di Avellino 34 tamponi di cui 7 positivi. Come per gli altri fino ad oggi esaminati, si attende la conferma ufficiale da parte dell’Istituto Superiore di Sanità anche per questi 56 tamponi risultati positivi nelle sessioni del pomeriggio e della sera e che si aggiungono ai 4 risultati positivi nella sessione mattutina del Cotugno.
Totali positivi di oggi: 60
Totali tamponi di oggi: 353
Totali positivi in Campania: 460

Casi positivi  Pontecagnano Faiano, Polla Cava de’ Tirreni e due a Vallo della Lucania. Qui, ad essere contagiati, sono un giovane rientrato nel Cilento dal nord Italia ed un altro residente a Sessa Cilento.

Il primo dei due, 30 anni, vive a Torino. Era rientrato a Vallo della Lucania e aveva informato le autorità. In seguito al sopraggiungere di alcuni sintomi ha ritenuto opportuno presentarsi in ospedale dove è stato subito messo in isolamento e sottoposto a tampone. Lo scrive InfoCilento.it

Il secondo paziente a risultare positivo invece, è un 71 enne proveniente da Sessa Cilento ma originario di Pollica. Era stato pochi giorni fa ad Ariano Irpino, una delle località messe in quarantena dal Governatore De Luca.

Entrambi restano ricoverati all’ospedale di Vallo della Lucania in quanto le loro condizioni cliniche sono buone; ora è partita la ricerca dei loro contatti che saranno a loro volta messi in quarantena e sottoposti a tampone.

A Polla – scrive Italia2tv.it – secondo caso positivo al Coronavirus. Si tratta di una donna di circa 40 anni legata indirettamente ai raduno religiosi.  Lei non vi ha partecipato. È ricoverata a Oliveto.

A Pontecagnano il caso positivo – scrive Ottopagine.it – è un paziente riconducibile al primo caso accertato. La fascia tricolore lo ha comunicato tramite un video sul suo profilo Facebook:

“Abbiamo già messo in isolamento tutte le persone che erano riconducibili o che hanno avuto contatti con questo secondo paziente, già state avvertite anche nei giorni precedenti. La situazione è assolutamente monitorata.” fa sapere Lanzara.

Il sindaco coglie l’occasione anche per ribadire l’importanza del rimanere in casa: “Ognuno di noi può aver avuto contatti con persone potenzialmente affette da Coronavirus e quindi la cosa migliore è quella di rimanere in casa e adottare un protocollo rigido. Uscire soltanto in casi di grande necessità.”

“Controlli a tappeto e tolleranza zero” comunica il primo cittadino Giuseppe Lanzara: “Sono già state denunciate 50 persone che non si sono attenute alle normative ed erano per strada senza opportuna motivazione. Queste persone dovranno affrontare un processo penale e verrà fatta una sanzione da 500 ai 3000 euro.”

“Ognuno di noi deve riservare la giusta attenzione a questa emergenza, abbiamo nelle prossime ore già attivato un servizio integrativo di sostegno alimentare per le famiglie più bisognose che sono più in difficoltà e metteremo in campo anche un servizio di consegna a domicilio dei farmaci. Massima allerta e massima attenzione, cerchiamo tutti di fare la nostra parte. Forza Pontecagnano, uniti ce la faremo.” Conclude il sindaco

Il secondo caso a Cava de’ Tirreni è stato confermato in serata dal sindaco Servalli: Ho appena ricevuto la comunicazione dalla protezione civile regionale che anche il caso, in un primo tempo sospetto, è risultato positivo al tampone per Covid 19.
Sono pertanto, allo stato, due i casi nella nostra città. Entrambi sono ricoverati in ospedali della provincia. Ribadisco che tutti i protocolli previsti sono stati già attivati dal Dipartimento di prevenzione.

Seguiamo con il massimo rigore le condotte che ci sono consigliate.
I prossimi giorni saranno di grande importanza”.

Il sindaco di Eboli Massimo Cariello scrive: «Per il ruolo pubblico che ricopre e per fargli sentire anche pubblicamente tutta la vicinanza del popolo ebolitano, esprimo piena solidarietà al dottore Antonio Giordano, Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “Luigi Vanvitelli” ed ex direttore dell’Asl Sa, risultato in queste ore positivo al test del Covid-19.
Ho raggiunto Giordano telefonicamente e mi ha rassicurato, sta bene ed è in regime di isolamento presso la sua abitazione. A lui va un grande abbraccio e un particolare ringraziamento perché, nonostante tutto, so bene che anche in questo difficile momento continuerà a dare lustro alla sanità Campana.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.