Covid: anche gli operatori portuali di Salerno in prima linea contro l’emergenza

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
“Sono ben conservati in noi giovani portuali i rapporti, le tradizioni umane lasciateci dai nostri genitori che hanno costruito il Porto di Salerno e che ci fanno gettare il cuore oltre l’ostacolo più grande: la paura. Come Presidente della Compagnia Portuale di Salerno, sono tenuto a garantire la sicurezza e la vita dei miei operatori portuali, con un forte senso di responsabilità, ma devo anche garantire dopo questo brutto periodo, il futuro di tutti Noi lavoratori”.

E’ quanto dichiara in una nota Vincenzo D’Agostino Presidente della Culp Flavio Gioia.

“Anche se il lavoro portuale non ha nulla a che fare con l’aspetto prettamente sanitario – colgo l’occasione per elogiare il lavoro di medici ed operatori sanitari che in questo momento combattono in prima linea – esso è un mestiere altrettanto prezioso per l’intera Città di Salerno”.

“Siamo le braccia che muovono la macchina del commercio. Il senso del dovere ci spinge a superare le nostre paure. Le merci devono viaggiare e noi Portuali stiamo contribuendo, in prima linea, a garantire l’approvvigionamento essenziale e vitale a tutta la città”.

“Vorrei che l’Italia e la Città di Salerno quando tutto questo incubo sarà finito, si ricordasse anche del nostro coraggio e del nostro servizio. Nel momento in cui tutti gli Italiani devono pensare a stare a casa, Noi lavoriamo affinché alla popolazione, alle nostre e vostre famiglie non manchi nulla”.

“Stiamo garantendo un servizio essenziale con coraggio e sacrificio per Non fermare la Città di Salerno in termini economici e produttivi. Stiamo rischiando la vita!!! Abbiamo tutti famiglie, abbiamo tutti figli a casa da sfamare e da proteggere soprattutto in questo periodo, ma il dovere, la responsabilità e il senso di appartenenza al nostro lavoro ci fa dire: voi state a casa, che Noi non possiamo”.

“In questa emergenza che va di ora in ora aumentando sto adottando tutte le misure necessarie, anche se con mille difficoltà, al contenimento e al mantenimento dell’avviamento lavorativo. Stiamo in stretto contatto con le Autorità Sanitarie, dall’Autorità di Sistema Portuale, alle Istituzioni Comunali, alle Organizzazioni Sindacali e al Prefetto”.

“Mi auguro – conclude D’Agostino – che questo periodo passi in fretta ma nel frattempo voglio ricalcare tutti i sacrifici, la disponibilità e la flessibilità dei soci della Compagnia Portuale che stanno facendo sforzi disumani per garantire la sopravvivenza a tutti i cittadini di Salerno. Mi raccomando quando tutto sarà finito non dimenticatevi della Compagnia Portuale e del Porto di Salerno.

“I lavoratori del settore marittimo e portuale sono tra quelli che per ragioni intrinseche alle loro attività possono essere maggiormente esposti a rischi riconducibili al diffondersi di epidemie o pandemie. Non esistono festivi, non esistono domeniche tranquille né programmi sicuri”.

“Il portuale deve assicurare diligenza, prontezza e continua disponibilità per continuare a far camminare gli ingranaggi del commercio. Il portuale indossa una divisa sotto la quale pulsa un cuore onesto, di quelli che vivono di famiglia e lavoro. Le nostre divise profumano di dignità”.

“Ne abbiamo passate tante… e passeremo anche questa tutti insieme… #Andrà tutto bene”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Solo chiacchiere.
    Non avete nè protocolli di sicurezza nè un personale qualificato.
    Incoscienti
    Tanto sappiamo cosa succederà a breve Altro che garanzia per i portuali.

  2. cari lavoratori portuali di salerno, dimostrando che lavorando con sicurezza si ouò proseguire, avete dato un esempio ai signori che vogliono chiudere tutto. bravi, siamo fieri di voi. molti politici prevalentemente di destra, senza scrupoli e non sapendo quello che affermano, vogliono chiudere tutto, ma risolviamo con certezza il grave problema? non credo, anzi lo peggioriamo, la gente continuerà a morire e quando il virus sarà sconfitto anche i superstiti moriranno di fame e si azzanneranno fra loro perchè l’economia del paese sarà sparita. Che bravi, come sono altruisti, dopo il primo decreto di conte, protestavano volevano aprire le attività chiuse, dicevano due presidenti di regioni del nord ” in questo modo l’italia produttiva sparirà”, riapriamo tutto. Ora che sono chiuse il 60% delle attività vogliono chiudere anche il resto, siete patetici, ma non poteva essere altrimenti con quel campione di ignoranza che fa tutto e apre bocca solo in funzione di denigrare il governo e fare perennemente propaganda elettorale. i meridionali che lo voteranno non sono indegni e scorretti nei confronti di tutti i meridionali.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.