Tenda out e dubbi sul prefiltraggio: personale Ruggi esposto a troppi rischi?

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
L’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi di Aragona si è adeguato, come tutte le strutture sanitarie regionali, a quelle che sono le direttive contenute nell’ordinanza firmata dal governatore Vincenzo De Luca. Ma il nosocomio di via San Leonardo – secondo quanto lamentano in tanti tra il personale, non solo sanitario, quotidianamente in servizio – continuerebbe a presentare delle situazioni di pericolo di contagio del coronavirus sia per  chi ci lavora al suo interno che per i pazienti che vi si recano anche per altre patologie . La tenda triage – adibita a filtro per i sospetti infetti da COVID 19 – continua a giacere all’esterno del padiglione di primo soccorso ma rimane chiusa e non funzionante. I vertici dell’azienda ospedaliera universitaria hanno più volte assicurato che non si corrono pericoli perché sono stati predisposti dei percorsi separati. Eppure, proprio a causa dell’assenza del primo filtro, c’è chi continua a denunciare che i sospetti infetti, spesso accorsi in ospedale con sintomatologie non chiare, fanno accesso arrivando con le proprie autovetture e cominciano il loro normale iter come pazienti normali. Nonostante il personale adotti con scrupolosità le misure di sicurezza per preservare se stesso dal contagio, e nonostante sia stato approntato un percorso specifico e separato per i sospetti COVID, ci sarebbe ancora una percentuale di pazienti che percorre regolarmente i corridoi e attraversa i reparti senza una totale tutela per gli altri degenti e per il resto degli operatori che ad oggi devono tenere memoria dei corridoi da non percorrere. Occorrerebbe poi preservare da ogni rischio tutti quei soggetti immunodepressi che si recano quotidianamente presso la struttura sanitaria per regolare terapia e per accertamenti di controllo
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Servono i carabinieri e la Magistratura e vanno denunciati appaltatori Vertici..Tutti.State a Casa.

  2. BISOGNA SALVAGUARDARE LA SICUREZZA DI INFERMIERI, MEDICI ED OPERATORI SANITARI.
    FARE A TUTTI GLI OPERATORI IL TAMPONE E MUNIRLI SUBITO DI TUTTE LE PRECAUZIONI NECESSARIE.
    SONO IL NOSTRO BALUARDO, DOBBIAMO A TUTTI I COSTI PROTEGGERLI DA OGNI TIPO DI CONTAGIO. GLI OSPEDALI E LE ATTIVITÀ ESTERNE DEVONO AVERE ABBASTANZA MEZZI DI PROTEZIONE DA NON CREARE PROBLEMI NEI PROSSIMI MESI.
    SIAMO CON VOI E VI SAREMO GRATI PER TUTTA LA VITA.

  3. e meno male che il governatore de luca ci ha sempre rassicurati sulla nostra sanita’,come al solito solo palle e aria fritta ma solo chi non lo conosce puo credere alle sue spacconate!!!!!!!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.