Troppi congedi per malattie, verifiche su infermieri assenti a Polla

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
Troppi infermieri assenti all’ospedale di Polla. In tanti, troppi, sono in congedo per malattia ma non si tratta di casi legati al Coronavirus o a quarantena. Una situazione che rischia di mettere in ginocchio l’assistenza ed è per questo che la direzione sanitaria del Curto vuol vederci chiaro e stabilire se si è in presenza di assenze motivate oppure di ‘malati immaginari’. Ad ogni modo i dirigenti dall’ospedale di Polla sono pronti a garantire con tutto il personale gli abituali standard di assistenza ma è ovvio che se si moltiplicano i certificati per malattia da parte di infermieri intimoriti dalla situazione il plesso potrebbe andare in sofferenza

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. MA LA DIREZIONE SANITATIA DI POLLA HA DATO A TUTTI GLI OPERATORI I DPI PER PROTEGGERSI Adeguatamente????? OPPURE CON LA STESSA MASCHERINA LA DEVONO USARE PIU’ GIORNI????
    E I CAMICI MONOUSO LI STA DISTRIBUENTO????? E I COPRISCARPE ????

    I MARTIRI NON LI VOGLIONO FARE… DELLE MEDAGLIE SON SANNO CHE FARSENE…

    DATE I DPI

  2. Ahh non si tratta di congedi per malattia? E di cosa si tratta sentiamo un po…
    È una vergogna tutto ciò ed è sicuramente da ufficio indagini….

  3. mo la colpa è dei sanitari?? state diffondendo terrorismo da settimane, c’è gente che vede virus pure sulla luna, avete obbligato una nazione intera a vivere in guerra, con la paura gli uni degli altri manco fossimo tutti appestati, e ora volete condannare i sanitari che hanno paura?? avranno pure loro il diritto di aver paura, quella paura che state infondendo da settimane con grande scrupolo, pure elencando m morti centenari come fossero ventenni in perfetta salute.. e poi ci stanno i vari 11.50 che continuano nella propria azione verso il nazismo e delazione, sta succedendo esattamente la stessa cosa, tutti contro tutti, o meglio, i presunti buoni contro i presunti cattivi che “passeggiano o fanno spesa” o quelli che non lavorano in ospedale nonostante non avessero protezioni necessarie (necessarie sempre in un ospedale, inutili in casa…)

  4. Conigli e codardi, io sono un infermiere e nonostante non ci siano i dispositivi non ho il coraggio di tirarmi indietro , poi se ci si mettono pure i sindacati che spingono per permessi 104 da 15 giorni e congedo parentale . Qui di quella dei dispositivi di protezione non deve essere una scusa siete conigli nullafacenti e parassiti. Non censurate vi prego

  5. X 13:30 ALT, non ti seguo è evidente che sei confuso…. non ho capito che stai dicendo. Non do la colpa a tutti i sanitari, do la colpa a quei pochi codardi che VOLUTAMENTE si son dati per malati pur di non andare a lavorare per paura di essere contagiati…. ne conosco qualcuno ecco perché te lo dico….

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.