Agroalimentare, sempre più a trazione Made in Italy (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
L’Osservatorio Immagino Nielsen GS1 incrocia le informazioni in etichette di 106.000 prodotti di largo consumo, in commercio da giugno 2019, con i dati Nielsen di vendita, consumo e fruizione media.

Il focus dell’Osservatorio sull’italianità dei prodotti presenti sugli scaffali della grande distribuzione, ha rilevato che circa 19.228 referenze richiamano in etichetta la provenienza nostrana in varie modalità, per un giro d’affari che vale 7,1 miliardi (+1,3 rispetto al 2019). Sul totale, l’italianità dei prodotti copre infine il 25,2% del fatturato totale.

Immagino Nielsen GS1, nello specifico, rileva che, in termini di fatturato, al primo posto vi sono i prodotti che, sulla confezione, riportano il nostro tricolore; questi sono i più apprezzati dai consumatori, considerando che valgono il 15% del totale dei prodotti venduti.

Segue la segnalazione in etichetta del claim “100% italiano” (8,7%) utilizzato anzitutto per pasta, gelati, merendine e affettati.

Pur se riferiti solo ai vini, i marchi Doc e Docg coprono il 2% (+3,4% rispetto allo scorso anno) del fatturato complessivo. In crescita anche il successo delle etichette Dop, specialmente formaggi, arance, pomodori e cipolle.

La particolare attenzione del consumatore all’origine e la grande considerazione della produzione del territorio, si traduce anche nella crescita dell’apprezzamento per i prodotti a marchio regionale, i quali rappresentano il 10,8% delle etichette della grande distribuzione organizzata e sviluppano 2,34 miliardi di vendite, contribuendo per l’8% al giro d’affari complessivo.

Sono Veneto, Sicilia e Puglia le regioni con la maggior crescita annua in termini di vendite. Viceversa, segno negativo per Sardegna, Umbria e Lazio. Mentre è il Molise a far registrare il miglior trend assoluto

I dati dell’Osservatorio dimostrano come il Made in Italy in etichetta rappresenta una efficace attrattiva non solo per i consumatori esteri, ma pure per quelli nostrani. Dunque, una garanzia valida fuori e dentro i confini nazionali.

L’esortazione a preferire prodotti italiani arriva da ogni direzione, ancor più in un momento di tale difficoltà; proprio l’agroalimentare potrebbe rivelarsi il settore chiave da cui far ripartire l’economia del Paese.

di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.