Il nostro Tempo tra uccelli e virus (di Claudio Tortora)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Si cari lettori, entrata la primavera, in questa atmosfera grigia e malinconica della pandemia è giunto il tempo degli uccelli. Be se alzate lo sguardo in questo periodo , certamente noterete che la nostra città, una volta regno assoluto di rondini e passeri, adesso è diventata piena di gabbiani, che non cinguettano.. gracchiano.. a volte  quasi miagolano.

Sembrano anche aggressivi, io personalmente li ho visti avventarsi su di un colombo e divorarlo. Sono uccelli questi o il frutto  di un epoca degenerata……

Come si fa a dire no, se ad un gabbiano aggressivo intanto si contrappone un corvo ecclesiastico.

Sarà un fatto strano, una coincidenza, ma neanche il corvo appartiene alla famiglia degli uccelli nobili. Ed intanto questa specie alata, vi ricordate un po’ di anni fa volteggiava  liberamente nei palazzi addirittura in quelli della chiesa.

Come fare a stare tranquilli? Se questa specie è diventata così invadente ed aggressiva fino ad entrare in certi palazzi a tradimento. Ti prendono alle spalle  questi uccelli e sono veramente imbarazzanti.

Credo che anche a Montecitorio si stiano preoccupando, perché se anche lì ci saranno delle incursioni, dovranno prendere dei provvedimenti legislativi.

Fare una legge sull’uccello, per evitare una crisi degenerativa Se anche lì i corvi prenderanno piede, allora la crisi sarà totale. Sarà questa la predizione Maja? Una nuova specie governerà il mondo. Gli Uccelli !!!

E la specie umana come reagirà? Forse dovrà iniziare a pensare che tra il coronavisus che incombe ed i corvi che prendono piede, che è finito il tempo delle vacche grasse ed inizia quello degli uccelli, niente  usignoli che cantano, rondini che volteggiano, canarini che gorgheggiano, pettirossi, o merli ma solo corvi, sparvieri e gabbiani aggressivi o pipistrelli che volteggiano nei palazzi insieme ai pipistrelli che annunciano virus e quant’altro .

Non dimentichiamoci di un precedente, quando l’aquila reale era un simbolo, forse premonitore. Sarà una osservazione dirà qualcuno un po’ azzardata, forse concomitante a questo mese di marzo che ci vede impauriti, immalinconiti ed anche  tra un po’ ….  tar..tassati.

Speriamo allora che , .. passerà e ritorneremo presto  a sentire gli usignoli, che ci restituiranno i nostri sogni.

Chi ve lo dice ..appartiene alla  specie   ..almeno nel cognome

Claudio TORTORA

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.