Il capo della Protezione civile: “1° maggio ancora chiusi in casa, poi dal 16…”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
17
Stampa
Non solo Pasqua e Pasquetta, probabilmente anche il 1 maggio saremo costretti a trascorrerlo in casa. “Credo proprio di sì,dovremo stare in casa per molte settimane”.

A sostenerlo – come riporta l’agenzia nazionale di stampa Ansa –  è il capo della Protezione civile Angelo Borrelli, che intervenendo alla trasmissione  a “Radio Anch’io” su Rai Radio, ha ribadito la necessità di continuare ad avere “comportamenti rigorosissimi”.

Il coronavirus, ha aggiunto, “cambierà il nostro approccio ai contatti umani e interpersonali, dovremo mantenere le distanze” per diverso tempo. Po,i intervenendo a “Circo Massimo”, ha aggiunto: “La fase due potrebbe iniziare il 16 Maggio”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

17 COMMENTI

  1. Si facesse gli affari suoi. Basta con questo allarmismo. C’è gente che non puo lavorare, quindi non potrà avere lo stipendio. Apertura, ma graduale. Fate i tamponi piuttosto

  2. La fase 2 inizia forse a giugno per la fase 3 dovremmo aspettare almeno settembre poi Forse Forse ne usciremo a dicembre ovviamente però sempre con le dovute precauzioni mah…..

  3. Poi probabilmente in autunno ricomincierà tutto, per iniziare la fase 5, basta!! finitela con questa barzelletta.
    Ma lo vogliamo capire che questo è un gioco a cui partecipano tutti i paesi del mondo, stanno studiando i nostri comportamenti, quanto siamo bravi a seguire le istruzioni, la nostra sopportazione.
    Alla fine tutto cambierà, avete mai pensato a quante compagnie aeree dopo questo stop dei voli, non decolerrarnno più?
    Vogliono tornare a solo le compagnie di bandiera, gli aerei dovranno essere di nuovo mezzi di trasporto per pochi, il mondo dovrà chiudersi, eravamo arrivati a troppa libertà di muoverci liberamente.
    Il virus esiste sicuramente, ma è il classico virus di un’influenza come c’è sempre stato, a volte colpisce la pancia, altra i polomoni.
    Vi rendete conto che piano piano tutti i paesi stanno entrando in questo gioco, tutti con lo stesso Modus operandi, prima soft, poi chiusura dei locali, fino a salire con le restrizioni.
    A proposito alcuni paesi il primo giorno di quarantena avevano già pronti i pacchi per le famiglie bisognose, aiuti a chi perde lavoro e un’applicazione per segnale gli spostamenti invece di queste autocertifazioni. Come potevano mai preparare tutti in 24 ore….
    E queste mascherine, lo sapete che vanno cambiate ogni due ore, non avete idea di quanti batteri escono dalla nostra bocca attraverso l’alito e si annidano nella mascherina proliferando.

  4. Ma si, tiriamo fino a Capodanno. Facile parlare quando hai lo stipendiuccio sempre garantito e puoi fare quello che ti pare. Oramai stanno facendo a gara a chi la spara più grossa.

  5. Ma che soluzione è?? Stare chiusi in casa per sempre!!! Come sono bravi gli scienziati…

  6. Se la popolazione resta a casa ce ne usciamo, ma lo vedete che ci stanno troppe persone in giro, che escono di casa 3-4 volte al giorno, i controlli sono pochi quasi inesistenti, ci vuole l’esercito in strada e anche numeroso, ma che ci vogliono i morti per farvelo capite.

  7. Dal 14 aprile al 25 , poi al 1 maggio , adesso addirittura al 16 , ovviamente se tutto va bene . Ogni giorno una canzone diversa fino ad arrivare all estremo delle forze , la gente nn ce la fa più e oltre a fare previsioni inutili senza riuscire a trovare una soluzione nn sapete fare. Liberateci tanto se nn tutti insieme moriremo cmq un po’ alla volta

  8. Adesso ci stanno prendendo per il culo, va bene l’emergenza sanitaria ma qui adesso si sta parlando della violazione della libertà personale. E i droni, e le celle telefoniche per monitorare gli spostamenti,tra un po’ limiteranno pire internet e lo prenderemo in quel posto. Mo basta adesso stiamo esagerando. Io il 13 Aprile esco poi mi possono pure dee inviare non me ne frega niente. Facciamo attenzione e organizziamoci .

  9. Io non lavoro da fine febbraio! Vivo di stipendio in stipendio, come ci arrivo a metà maggio? E non sono nemmeno sicuro che per allora troverò il mio posto di lavoro! Cosa vogliono fare? Metterci davanti ad un bivio, puoi scegliere se morire di fame o morire in terapia intensiva? Io ho finito i soldi, le bollette arrivano comunque e gli aiuti dati finora sono acqua fresca! Dobbiamo andare a saccheggiare i supermercati per farglielo capire?

  10. A chi ancora sostiene che è una normale influenza; bhe è vero, lo è, finché non ti porta via un nonno o un genitore. Vienimelo a ripetere dopo.

  11. iniziare dal 20 di aprile a riaprire scuole e università, luoghi frequentati da giovani dove il tasso di mortalità è bassissimo, aprire quelle attività dove può essere rispettata una distanza interpersonale ottimale, e tenere misure stringenti per tutta l’altra fascia di popolazione. E ovviamente impedire a tutti scampagnate per il 25 aprile o per il 1 maggio.
    Non si possono tenere scuole e università chiuse per cosi tanto tempo….aprire le università se non per le lesioni, almeno per gli esami.

  12. Per le ore 17,39
    Ma ti rendi conto di cosa scrivi e proponi? Aprire le scuole e le università, credo che tu non tieni figli e se li tieni sei un irresponsabile. Io i miei figli una all’università e uno al quinto liceo non li mando a morire.

  13. Le scuole devo o esser le time ad aprire. In esse è impossibile mantenere le distanze. Bisogna salvaguardare il personale scolastico e gli alunni. La scuola è ultima attività a poter essere aperta. Non scherziamo con la vita!

  14. Facile previsione.

    Spinti da pressioni ed interessi riapriranno prima che l’epidemia sia sotto controllo, ci sarà una nuova impennata, qualche decina di migliaia di morti extra, poi ricomincerà il ciclo di chiusura.

    Questo per non aspettare il tempo necessario la prima volta.

    E poi si ricomincia, e quelli che ora piangono miseria falliranno veramente.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.