Casina Rossa diventa un centro pilota per l’educazione ambientale

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Eboli coprotagonista di un progetto pilota nella tutela dell’ambiente. L’Amministrazione comunale ha concesso la struttura Casina Rossa e l’area marina circostante ad un finanziamento agganciato a un progetto dell’Ente Riserve Foce Sele e Tanagro di recupero di aree e percorsi fluviali e marini.

«Abbiamo concesso la nostra struttura per un centro di recupero ambientale e di educazione diffusa per la tutela dell’ambiente – spiega il sindaco, Massimo Cariello -. La rete istituzionale che abbiamo intessuto tra il nostro territorio e l’Ente Riserve, anche grazie al decisivo lavoro dell’ingegnere e nostra dirigente Lucia Rossi, referente comunale nell’Ente Riserve ed attualmente anche impegnata nella formulazione del “Contratto di fiume”,
ci ha consentito di inserire Casina Rossa ed aree circostanti nel progetto pilota a cui gli altri territori guarderanno.

Si tratta insieme di un’indicazione alle comunità in tema di educazione ambientale e di
recupero e valorizzazione delle nostre aree. Un obiettivo significativo, raggiunto anche grazie all’impegno del presidente dell’Ente Riserva, Antonio Briscione, ed al vicepresidente della Regione, Fulvio Bonavitacola, a cui va il mio ringraziamento».

Il Comune di Eboli metterà a disposizione sia la struttura Casina Rossa, lungo la strada
litoranea, sia una parte dell’arenile per la realizzazione del centro per l’educazione ambientale. Si tratterà di una struttura che fungerà da partenza ed approdo delle diverse escursioni naturalistiche con al centro la fascia pinetata.

«Casina Rossa andrà in comodato all’Ente Riserve Sele Tanagro – ricorda il vicesindaco con delega al Patrimonio, Cosimo Pio Di Benedetto -, questo permetterà di accedere a nuovi
finanziamenti per il nostro territorio. Il progetto, che si avvale del fondamentale lavoro della dirigente comunale Lucia Rossi all’interno dell’Ente Riserve, prevede la ristrutturazione dell’immobile, la rivisitazione delle aree di accesso all’arenile, la sistemazione della
pineta e la realizzazione di un centro per l’educazione ambientale con moduli, sul modello del lido per le persone con disabilità che abbiamo realizzato poco distante».

Particolarmente rilevante il profilo ambientale del progetto, come sottolinea l’assessore comunale Emilio Masala: «La nostra area rientra in questo caso in un ampio progetto di
recupero di percorsi, che si arricchisce con la struttura di Eboli. Stabilire la possibilità di un’area di coordinamento per le visite ed i percorsi naturalistici è un messaggio importante in tema di tutela dell’ambiente».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.