Covid 19, i nuovi sintomi del contagio: geloni, orticaria e tremore

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il nuovo coronavirus, il Sars-CoV-2 è un virus mutevole e – come scrive Adriana Bazzi sul Corriere della Sera – gli ultimi 5 sono riferiti alla pelle.

Virus camaleontico: non dà solo febbre, tosse e affanno, «attacca polmoni ma anche altri organi, sta mutando», è fra noi, lo sappiamo e ci dobbiamo convivere. Come possiamo capire se ci ha colpito? Quali sono i sintomi di contagio? Ci sono i tre classici sintomi di base: febbre, tosse secca e difficoltà di respiro.

Che ci devono allarmare. Ma ce ne sono altri, come ci informano i Cdc di Atlanta, gli americani Centers for Disease Control and Prevention , che tengono sotto controllo la salute mondiale, con un occhio alle centinaia di studi che oggi vengono pubblicati in letteratura. Sarebbero almeno sei «nuovi» sintomi da prendere in considerazione. Lo scrive Il Corriere.it

Eccoli: brividi, tremore persistente insieme ai brividi, dolori muscolari, mal di testa, mal di gola e perdita del gusto e dell’olfatto. I Cdc raccomandano di prendere in considerazione questi segnali nel tracciare le infezioni da Covid-19. Ma l’Organizzazione mondiale della Sanità non è proprio in linea con queste regole e ribadisce il fatto che i sintomi principali sono febbre, tosse secca e mancanza di respiro.

Ma adesso ci arriva un altro suggerimento, proposto dai dermatologi. Il British Journal of Dermatology ci informa che anche la pelle è colpita dal coronavirus. Con cinque nuove manifestazioni cutanee da prendere in considerazione. La prima, più nota, interessa mani e piedi e si presenta sotto forma di «geloni», quelli che normalmente si manifestano dopo un’eccessiva esposizione al freddo.

Si può ipotizzare che alla base di questi disturbi ci siano i danni provocati dal coronavirus sui vasi sanguigni, anche piccoli, che interferiscono con la circolazione del sangue. Poi c’è la comparsa di piccole vescicole sulla pelle, di lesioni pruriginose, di eruzioni maculo-papulari e di «necrosi», cioè di morte di cellule della pelle provocate dal fatto che il danno ai vasi sanguigni ha compromesso l’arrivo del sangue in queste zone.

Ma cosa si sta conoscendo in più di questo nuovo coronavirus? Sia sul piano clinico che su quello di laboratorio? «Il coronavirus è un virus camaleontico – commenta il clinico Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive all’Ospedale San Martino di Genova -. Colpisce molti organi. Il polmone innanzitutto, ma anche il rene, il cuore e le articolazioni. E la pelle, anche se queste manifestazioni non sono fra le più frequenti. Anche il virus dell’influenza fa gli stessi danni: al cervello (encefaliti), al cuore (miocarditi), al fegato (epatiti) e al rene».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.