Salerno: appello del cuore per la chiesa dei “Morticelli” in Largo Plebiscito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Per la chiesa di San Sebastiano del Monte dei Morti, conosciuta come chiesa dei
“Morticelli, è ufficialmente partita la campagna nazionale Luoghi del Cuore, promossa
dal FAI, in collaborazione con Intesa Sanpaolo.

Luoghi del Cuore è il più importante progetto italiano di sensibilizzazione sul valore del
nostro patrimonio, che permette ai cittadini di segnalare, attraverso un censimento biennale i luoghi da non dimenticare. Dopo il censimento, il FAI sostiene una selezione di progetti promossi dai territori a favore dei luoghi che hanno raggiunto la soglia minima di duemila voti.

Fino al 15 dicembre 2020, sarà possibile votare la Chiesa di San Sebastiano del Monte dei
Morti e concorrere al conseguimento dei fondi utili alla valorizzazione di questo luogo
“ritrovato” del patrimonio del centro storico di Salerno. Dal 2018, la chiesa dei “Morticelli”
ospita il primo laboratorio urbano creativo della città, che prende il nome di SSMOLL – San
Sebastiano del Monte dei Morti Living Lab.

Il progetto, a cura del collettivo Blam, in
accordo con il Comune di Salerno e il Dipartimento di Architettura dell’Università
Federico II di Napoli, ha riaperto le porte dell’ex chiesa, dopo oltre trent’anni di abbandono
ed attivato una comunità, capace di trasformare i “Morticelli” in un luogo di condivisione,
dove produrre insieme arte e cultura partecipando alla trasformazione della propria città.

Ogni gesto può fare la differenza, per cui Blam invita i cittadini a votare per scalare la
classifica dei luoghi più amati d’Italia e a contribuire alla diffusione dell’appello del cuore
nella propria comunità, tra amici e conoscenti, attraverso la condivisione del link e delle
istruzioni, riportate di seguito:

CLICCA QUI

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Una volta tanto possiamo fare una scatto culturale per difendere nostro patrimonio,votiamo e facciamo votare il popolo salernitano e non solo…grazie

  2. La vicenda di questa chiesa, un gioiellino situato entro il borgo antico, dimostra quanto velleitario sia il desiderio di basare il turismo a Salerno mediante l’attrazione dei suoi monumenti. Sono tenuti in un abbandono totale e neanche normali restauri conservativi vengano programmati dai responsabili. Altro esempio emblematico, l’acquedotto medievale (il ponte dei diavoli): si va sfaldando, perde pezzi, è infestato da erbacce. Forse un mecenate da Roma lo farà restaurare, ma che brutta figura per le autorità cittadine.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.