La dura prova del comparto Turismo (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
2,3 miliardi di euro in meno di fatturato per chi gestisce alloggi; -2,1 miliardi per ristoranti e bar; -999 milioni per il comparto agroalimentare; -1,4 miliardi per l’area dell’abbigliamento e delle calzature; -1,3 miliardi per attività ricreative e trasporti.

La emergenza Covid19 apre un buco da 8,2 miliardi di euro per il settore del turismo e dei comparti collegati, a causa delle disdette per la prossima estate, con punte che sfiorano l’80%. “Siamo di fronte, dal punto di vista economico, a uno scenario di guerra.

Dopo il lockdown, il turismo ripartirà come negli anni 50 e 60, ragion per cui bisognerà puntare necessariamente alla domanda interna al cosiddetto turismo domestico”. È l’allarme lanciato da Salvo Politino, vicepresidente della Unione Nazionale di Imprese.

Le stime contenute nel rapporto del Centro Studi di Unimpresa, evidenziano che le perdite del fatturato sono legate a una mancanza di presenze turistiche sul territorio italiano di circa 90 milioni (53 milioni di italiani e 36 milioni di stranieri), di cui 42 milioni in strutture ricettive e 48 milioni in abitazioni private. Conseguentemente, mancheranno 8,2 miliardi di consumi, dei quali 4,3 miliardi degli italiani e 3,9 miliardi di turisti stranieri. Su tali crolli, ovviamente, gravano le cancellazioni.

Entrando nel dettaglio: il 77% delle imprese del settore alberghiero ha registrato disdette delle prenotazioni, seguito dal settore extralberghiero con il 65,2% delle imprese che ha ricevuto annullamenti. Guardando all’immediato, si pensi che per il periodo giugno-agosto il Sud e le Isole hanno registrato il 50% di disdette sulle prenotazioni, il Centro il 37%, il Nord Ovest il 40% e il Nord Est il 36%.

È notorio che il turismo sia fonte e terminale di interessi plurimi e che, quindi, abbia un impatto significativo su molti settori della economia italiana; ciò vuol dire che quanto si sta verificando, per gli sciagurati effetti prodotti dalla emergenza coronavirus, rischia di provocare ulteriori, gravi riverberi in ogni direzione.

Un altro comparto che, nel nostro Paese, già adesso, si profila assai più povero e per il quale diviene di vitale importanza avere certezze sulle agevolazioni e gli aiuti su cui poter contare concretamente in tempi brevi. Anzitutto per contenere in limiti il serio pericolo che molte imprese di settore possano vedersi costrette alla resa, se non addirittura a soccombere.

Da tante, troppe settimane le aziende sono alle prese, su vari fronti, con problemi di ogni genere, ritardi insostenibili e pesanti carenze di liquidità. In alcuni casi la caparbietà, la tenacia e l’amore profuso in ciò che si fa, davvero, non possono bastare.

di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.