Coronavirus, in sala posti tagliati e distanziati. Sarà la morte dei piccoli teatri

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
E’ forse il momento peggiore per i Cinema e i Teatri in Italia. L’emergenza coronavirus ha penalizzato più di tutti il settore. Ancora di più quello teatrale che è realizzato solo ed esclusivamente dal vivo con attori sul palco in stretto contatto fisico tra loro.  Nonostante il via libera alla riapertura a partire dalla metà di giugno, in Campania e nella provincia di Salerno resteranno spenti 97 schermi e con sipario sbarrato tutti i teatri . Tutto chiuso, almeno fino al 31 agosto. Per molti operatori la riapertura, considerate le prescrizioni del Governo, è ancora lontana». Dalla riunione è venuta fuori una missiva da recapitare a Governo e soprattutto a Regione Campania. Le misure, asseriscono in molti, sembrano essere stringenti solo per la cultura. I nuclei familiari possono “assembrarsi” ai bar stare aperti ovunque ma non al cinema e a teatro. E proprio a teatro gli attori dovrebbero recitare sul palco con la mascherina, quando poi nelle partite di calcio questo non è richiesto. A prescindere dal blocco della produzione cinematografica e teatrale, per forza di cose, e la conseguente improduttività del mercato, restano, soprattutto per i privati, costi elevati di gestione, problemi con i fornitori che non accettano il reso e poche certezze a garanzia del futuro, sempre meno luminoso per i monosala, in particolar modo, pezzo di storia sempre più esiguo dei cinema e delle tante sale teatrali cittadine dislocate nel territorio campano.

Posti tagliati dunque in futuro per ottenere il distanziamento sociale, singoli o al massimo doppi (per le coppie di coniugi o conviventi). Il futuro prossimo del teatro, ai tempi dell’emergenza coronavirus, appare questo, senza altre possibilità. Una necessità che però rischia di travolgere i teatri più piccoli.

Di fronte ad una platea estremamente ridotta, l’unica soluzione per limitare le perdite appare quella di aumentare le repliche degli spettacoli. Un’opzione di per sé difficile e possibile solo per i grandi teatri: in quelli a capienza ridotta, infatti, tagliare i posti rischia di portare alla chiusura soprattutto per il genere amatoriale

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.