Cig fuorilegge per Covid , record in Campania: 506 domande per aziende fittizie

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
8
Stampa
Il record spetta, purtroppo, proprio alla Campania: sono ben 506 le aziende fittizie, secondo le indagini della Direzione Centrale Antifrode Inps,  per le quali l’Istituto ha deciso di bloccare la domanda per accedere agli ammortizzatori sociali per Covid 19. Sono state, infatti, inoltrare in tutta Italia – come scrive il quotidiano “Il Mattino” – pratiche  per accedere ad uno dei tre ammortizzatori da parte di aziende fasulle, ovvero organismi societari creati ad hoc, per poter sfruttare i benefici previsti dal decreto. Una frode emersa dalle ispezioni effettuate dall’istituto di previdenza. Tra le singole province, il maggior numero di casi si registra a Napoli con 348 tentativi di frode.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

8 COMMENTI

  1. Bastardi, ci sono lavoratori che dopo tre mesi ancora devono prendere la cassa integrazione. Dovete fare la fame a vita.

  2. La chiamano arte di arrangiarsi,io la chiamo arte di togliere a chi dovrebbe avere…….non mi meraviglio che Napoli sia la capitale delle truffe…….

  3. Poi non ci lamentiamo quando ci apostrofano in tanti modi,vuol dire che qualkuno “purtroppo” ha ragione.

  4. bene i nodi iniziano a venire al pettine….credo sia ancora poche….ce ne saranno tante altre…
    verificate anche le finte NASPI, LAVORO NERO richiesto dal lavoratore, disoccupazioni agricole finte, finti rdc, finti accompagnamenti ecc. ecc…
    l’assistenzialismo tanto richiesto, tanto voluto da chi ha il sostegno del popolo cialtrone e truffatore….
    forse questo è uno dei motivi per il quale in molti evadono parte del loro reddito, per necessità! (non mi riferisco ai grandi evasori)
    dare a chi ha veramente diritto!
    far pagare tutti equamente e non eccessivamente per sostenere un popolo di cialtroni, e non solo politicamente parlando!
    come se non bastasse regolarizziamo gli immigrati sic et simpliciter senza andare a regolamente la filiera…risultato ? altri 600 mila disoccupati a carico e ci altrettanti lavoratori immigrati in nero che arriveranno….mentre gli imprenditori agricoli assumeranno fittiziamente gli italiani che, a loro volta, al termine della stagione, percepiranno, fraudolentemente, la disocc. agricola ecc…

  5. Queste truffe allo Stato (crimini contro la collettività) le dovrebbero punire con tanti anni di detenzione, e lavori pesanti a favore dello stato ….poi vedi se fanno domande fittizie …..invece nel caso si è incensurati …..un po’ di soldi per un buon avvocato e a piede libero sempre.

  6. I bonus Baby sitter ….contratti reali e versamenti contributivi reali ….non fateli diventare regali.

  7. La Regione Campania ancora deve visionare le istanze di Marzo di tanti poveri lavoratori e scommetto che sti bastardi hanno preso già i soldi di Marzo Aprile e Maggio. Che paese di merda.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.