Calcio post lockdown, con la ripresa dei campionati triplica il rischio infortuni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il calcio è uno degli sport più apprezzati al mondo per via della sua dinamicità e dei benefici che apporta alla salute. Se in Italia l’ISTAT ne ha certificato la pratica da oltre 4 milioni di persone, secondo una ricerca americana pubblicata su Forbes è l’attività preferita dal 45% della fascia di popolazione under 35.

I mesi di stop forzato dovuto al lockdown hanno però avuto impatti negativi sulle condizioni psicofisiche dei giocatori, costretti a rimandare gli allenamenti sul campo. Scenario che ha interessato direttamente la ripresa dell’attività calcistica all’estero: secondo un’indagine della WPA – World Players’ Association pubblicata su Reuters, infatti, il rischio di infortuni è passato dallo 0,27% allo 0,88% nelle prime giornate di Bundesliga, di fatto triplicando.

E ancora, stando a una ricerca pubblicata sulla BBCgiocare numerose partire nell’arco di un mese aumenta del 25% il pericolo d’infortuni. Problematiche fisiche che hanno recentemente accomunato numerosi giocatori: da Zlatan Ibrahimovic, vittima di una lesione del muscolo soleo del polpaccio destro, a Gonzalo Higuain, infortunatosi alla coscia destra, da Suat Serdar, che ha rimediato un infortunio al legamento esterno del ginocchio sinistro, a Radja Nainggolan, fermato da una distrazione di primo grado del muscolo soleo del polpaccio destro, fino a Simone Verdi, bloccato da una lesione di primo grado al retto femorale sinistro.

Ma quali sono i consigli degli esperti per prevenire e curare gli infortuni più frequenti con il ritorno del campionato? Seguire un protocollo di recupero per riossigenare e rivascolarizzare la muscolatura, prediligere un tipo di allenamento “eccentrico” e ricorrere al cryostretching e, in caso di stop, affidarsi alla laserterapia Theal Therapy per ridurre i tempi di recupero.

“La ripresa dell’attività calcistica dopo mesi di prolungato stop dovuto all’emergenza sanitaria è strettamente correlata all’ aumento del rischio di infortuni. A differenza della classica pausa estiva annuale, infatti, in questo periodo i giocatori sono andati incontro a una  diminuzione sensibile della VO2 MAX ovvero il  volume massimo di ossigeno consumabile nel tempo, proprio a causa dell’inattività forzata – ha spiegato il  dott. Paolo Tenconi, medico/preparatore atletico professionista e allenatore  Uefa B – A causa del Covid gli  allenamenti sono stati ridotti all’osso e si è andati incontro a una  riduzione della potenza aerobica, della  forza muscolare e una modifica della  composizione corporea.

Per questo motivo, con la ripresa del campionato, è necessario che i giocatori seguano un protocollo di recupero per riossigenare e rivascolarizzare la muscolatura, lavorando con esercizi mirati su adduttoripolpacciquadricipiti femorali flessori. Per scongiurare il pericolo di gravi infortuni la Theal Therapy diventa un valido alleato grazie ai suoi benefici decontratturanti e a un effetto fotobiostimolante che massimizza il risultato terapeutico”.

Ma quali sono gli altri infortuni più comuni nel calcio? Le parti più vulnerabili sono gli arti inferiori, soggetti a lesioni traumatiche, come un calcio alla gamba o una torsione del ginocchio, e a uno sforzo muscolare eccessivo. I calciatori sono sensibili a queste problematiche fisiche a causa dei rapidi cambi di direzione, dei movimenti laterali, delle rapide accelerazioni e decelerazioni. Secondo uno studio della National Athletic Trainers’ Association gli infortuni più comuni sono gli stiramenti muscolari (25,8%), seguiti da distorsioni dei legamenti (25,3%), contusioni (20,3%) e commozioni cerebrali (5,5%).

Le lacerazioni della cartilagine e le distorsioni del legamento crociato anteriore sono alcune delle lesioni più comuni a richiedere intervento chirurgico. Ma non è tutto, perché nel calcio giovanile il 30% degli infortuni è causato dalle cattive condizioni del campo di gioco e il 45% dall’utilizzo di calzature sportive non idonee alla propria conformazione.

Ecco infine il decalogo degli esperti per prevenire e curare i più frequenti infortuni legati alla ripresa dell’attività calcistica:

1)      SOTTOPORSI A UN’ATTENTA VALUTAZIONE FISICA

Ascoltare i consigli di un preparatore atletico professionista è fondamentale per valutare eventuali squilibri posturali e prevenire lesioni e infiammazioni.

2)      SEGUIRE UN PROTOCOLLO DI RECUPERO CON UNO STAFF MEDICO

Per riossigenare e rivascolarizzare la muscolatura è necessario lavorare con esercizi mirati all’allungamento degli arti inferiori.

3)      INDOSSARE CALZATURE SPORTIVE IDONEE

Le distorsioni, le tendiniti e le lussazioni possono essere causate all’uso di calzature inadeguate. Le scarpe con i tacchetti assicurano un miglior controllo, soprattutto su terreni bagnati o con erba alta.

4)      STRETCHING PRIMA E DOPO GLI ALLENAMENTI

Svolgere un buon riscaldamento è importante per prevenire il rischio d’infortuni, ma altrettanto lo sono tutte le esercitazioni di stretching e le posture atte a mantenere una certa elasticità dei distretti muscolari.

5)      IDRATARSI PRIMA, DURANTE E DOPO LE PARTITE

Mantenersi correttamente idratati è il monito principale per garantire una performance atletica ottimale, riducendo fatica e stress. Anche livelli moderati di disidratazione possono danneggiare i risultati in campo.

6)      PREDILIGERE UN TIPO DI ALLENAMENTO ECCENTRICO

Le sedute di allenamento dovrebbero concentrarsi su esercizi finalizzati a migliorare il controllo motorio e la capacità muscolare di adduttori, polpacci e quadricipiti femorali.

7)      SOTTOPORSI A MASSAGGI DECONTRATTURANTI

Giocare a calcio sottopone a sforzo continuo l’apparato muscolare: per scongiurare contratture, stiramenti e strappi è utile sottoporsi periodicamente a massaggi che permettono il rilassamento dei muscoli.

8)      EVITARE DANNI DA SOVRACCARICO FUNZIONALE

Il giocatore deve imparare ad ascoltare il proprio corpo e dosare i carichi di lavoro durante l’allenamento per evitare stress da sovraccarico.

9)      CONTROLLARE LE CONDIZIONI DEL CAMPO DA GIOCO

Non sottovalutare le condizioni del campo, sia all’aperto sia indoor: assicurarsi che non vi siano crepe, presenza di detriti, bagnato e che la superficie sia idonea al corretto svolgimento della partita.

10)   IN CASO D’INFORTUNIO UTILIZZARE LA LASERTERAPIA

L’ausilio del laser Theal Therapy si è rivelato estremamente utile nella cura e nel recupero in tempi più rapidi di patologie acuto-croniche legate al mondo del calcio.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.