Coronavirus in Italia, 251 contagi, 47 decessi. Ora fa paura il Lazio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Sono 251 i nuovi casi di coronavirus registrati in Italia, un numero in calo rispetto a quello di giovedì (333). I decessi rilevati nelle ultime 24 ore sono invece 47. E’ il Lazio a guidare la classifica dei contagi: nella settimana dall’8 al 14 giugno l’indice Rt è passato a 1,12, superando quello della Lombardia (0,82). E proprio la Lombardia segna un calo di casi e decessi: i primi si attestano a quota 157, mentre gli altri sono 18.

Sono cinque le Regioni ad aumento zero: Marche, Campania, Valle D’Aosta, Calabria e Basilicata. I contagi sono in tutto 238.011, un numero in calo rispetto a giovedì – quando erano 238.159 – per un ricalcolo della Regione Sicilia che ha sottratto 397 casi.

Sono saliti a 181.907 i guariti e i dimessi, con un incremento rispetto di 1.363 in un giorno. Giovedì l’aumento era stato di 1.089. Ammontano invece a 21.543 i malati, 1.558 in meno rispetto a giovedì, quando il calo degli attualmente positivi era stato di 824. Dopo l’aumento di giovedì, tornano a scendere i ricoveri in terapia intensiva: sono 161 i pazienti ricoverati nei reparti di rianimazione, sette in meno rispetto a 24 ore fa.

In Lombardia la percentuale tra tamponi effettuali e nuovi positivi è dell’1,5%. I decessi hanno raggiunto un totale di 16.534 dall’inizio della pandemia. Giovedì c’erano stati 216 nuovi casi (1.9% rapporto tamponi-positivi) e 36 decessi. Stazionari i ricoveri in terapia intensiva (60), mentre calano i ricoverati non in terapia intensiva (-136, 1.537 in totale).

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Questo terrorismo d’informazione è diventato insopportabile.
    Si è delineata la strategia del governo NON eletto ormai : a settembre tutti ai domiciliari di nuovo, museruola a vita e vaccini obbligatori per tutti!
    Ah, dimenticavo. …e aggiungerei anche l’abolizione della libertà di parola e di pensiero!

  2. 01.24: infatti, e non ci arrivano proprio a capirlo.. cervelli all’ammasso, pure dopo mesi di tempo per capire e studiare qualcosa.
    Il 9 giugno il Consiglio d’Europa ha deciso per instaurare una vera e propria dittatura, infatti prevede uso di “forze di polizia e repressione” per quelli che mettono in discussione 5g e covid… Normale? cercate “Conclusions du Conseil intitulées -Façonner l’avenir numérique de l’Europe-” 8711/20 ..
    Pensano alle cigliegie e alle felpe di salvini e poi le cose serie non le vogliono neppure vedere, che gente da 4 soldi, anzi 2

  3. e poi a sinistra parlavano di fascismo… devono vergognarsi, e lo capiranno quando saranno bastonati e manganellati da questi governi “democratici di sinistra” ogni volta che tenteranno di dire o fare le cose più normali, le quali diverranno vietate dalla nuova dittatura sanitaria. Grazie.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.