“Giustizia per Arianna”: De Luca incontra i genitori della 15enne di Cava

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca ha incontrato i genitori di Arianna Manzo, la ragazzina di 15 anni di Cava de’Tirreni diventata tetraplegica a pochi mesi di vita. La famiglia ha intentato causa al Cardarelli di Napoli, dove la figlia era stata ricoverata, e l’ospedale è stato condannato a novembre ad un risarcimento di 3 milioni di euro.

I genitori, Matilde Memoli ed Eugenio Manzo, insieme ad Arianna ed all’altro figlio avevano manifestato sotto la Corte di Appello di Salerno, cominciando uno sciopero della fame: la prima sezione civile avrebbe dovuto esprimersi, dal 25 giugno scorso, sulla richiesta di sospensiva del pagamento presentata dal Cardarelli, condannato in primo grado a versare un risarcimento di 3 milioni di euro.

L’INCONTRO CON IL GOVERNATORE, LE SUE PAROLE

“Abbiamo incontrato questa mattina a Palazzo Santa Lucia, insieme al direttore generale del Cardarelli, i genitori della piccola Arianna accompagnati dal proprio legale. Abbiamo voluto innanzitutto esprimere la nostra solidarietà e vicinanza alla famiglia che affronta quotidianamente la gravità e le gravi problematiche della malattia”.

“A loro abbiamo manifestato la volontà piena di affrontare e risolvere in tempi rapidi una vicenda che risale a 15 anni fa. A prescindere dall’iter giudiziario, ho comunicato alla famiglia e al direttore generale, che fermo restando le diversità di responsabilità e competenze, è opportuno affrontare il caso che si trascina da troppi anni con caratteristiche di gravità estrema per la bambina e per la famiglia”.

“Quindi verificheremo con il nostro ufficio legislativo e le strutture tecniche, l’ipotesi di un atto transattivo che possa dare da subito una risposta importante alla famiglia. In questa ipotesi, è evidente che sarà superato ogni iter giudiziario e si valuterà il contenuto dell’atto transattivo tenendo conto della sentenza di primo grado. La famiglia ha apprezzato e condiviso questa ipotesi di lavoro. Ci impegneremo nei prossimi giorni a concretizzarla”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.