Salerno: cosa farne degli spazi dell’ex Tribunale in pieno centro? Vertice con Piero De Luca

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
21
Stampa
Si è svolto, questa mattina a Palazzo di Città, un incontro istituzionale organizzato dal Sindaco di Salerno e promosso dall’on. Piero De Luca per definire l’utilizzo degli spazi dell’ormai ex Tribunale e i possibili adempimenti da adottare per il futuro dell’immobile stesso.
Insieme al Sindaco di Salerno e al deputato dem, hanno partecipato al tavolo, tra gli altri, il presidente della Provincia di Salerno Michele Strianese, il Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Salerno Vincenzo Loia, gli assessori comunali Eva Avossa e Mimmo De Maio, e, per il Demanio, il responsabile dei servizi territoriali della Provincia di Salerno Luca Franzese.
Ha preso parte all’incontro, in videocollegamento, invitato dall’on. De Luca, anche il sottosegretario al Ministero della Giustizia, Andrea Giorgis il quale ha sottolineato quanto “il Ministero ci tenga a relazionarsi in modo virtuoso e positivo con gli enti locali. E’ nostra premura – ha detto Giorgis – che gli immobili dismessi non rimangano vuoti ma diventino funzionali per le esigenze del territorio e della collettività”.
“Si tratta – ha aggiunto il sindaco Napoli – di un primo incontro. Ne organizzeremo altri per procedere, celermente, alla creazione di un progetto che sia di slancio culturale per la nostra città. L’immobile è di grande rilevanza e pregio. Sarebbe un peccato che rimanesse uno scheletro vuoto”.
L’on. De Luca afferma che sarebbe “un delitto” l’eventuale abbandono dell’ex Tribunale. “E’ un immobile di rilevanza storica, artistica, culturale e – ha aggiunto – va considerato come tale. Non penso al palazzo solo come un mero contenitore di spazi, ma come un’occasione per valorizzarlo nella sua complessità globale. L’Università potrebbe avere, in questo nuovo percorso, un ruolo chiave e decisivo”.
È concorde lo stesso Rettore il quale ha spiegato che: “L’ateneo salernitano non ha bisogno di metri quadrati in più per le proprie attività. Quelle che sono le sue ambizioni è ritrovare il legame ideale con la città di Salerno. Un legame che deve manifestarsi nuovamente nella sua accezione più concreta. Salerno vanta una tradizione universitaria che si perde nella storia. Deve tornare a riappropriarsi di questa tradizione e questo immobile può rappresentare una strada per rinsaldare i fili del tempo passato, guardando anche al futuro”.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

21 COMMENTI

  1. Sarebbe l’ora di spostare molti dei corsi di laurea a SALERNO e non a Fisciano

    Si chiama università di salerno ma sta a Fisciano, paradosso

    Vogliamo l’UNI a SALERNO!

  2. Facoltà di Giurisprudenza, quella è la sua sede naturale, il palazzo di Giustizia è a 2 passi….gli studenti potranno fare tirocini formativi….ridate a Cesare quel che è di Cesare.
    Il rettore deve capire che pur avendo tutti gli spazi disponibili, la Storia …il Palazzo di Giustizia si trova in quel posto…

  3. Per ritrovare il legame tra università e città basterebbero i servizi e cioè una metropolitana ogni 30 minuti che nel giro di 10o15 minuti ti porta a Fisciano dove ci sono spazi e servizi che a Salerno non potrebbero mai e poi mai esserci, partendo dai parcheggi fino ad arrivare alla piscina, campi di calcio e tennis, piazze e verde per eventi. Basterebbe la normalità, autobus e treni e quella distanza di poco più di 5km non sembrerebbe più insormontabile.

  4. Condivido quello che dici…sugli spazi nulla quaestio, ma Medicina e Giurisprudenza devono essere vicino palazzo di Giustizia e Ruggi d’Aragona( ci sono tutti i reparti).

  5. L universita c e e rimane a fisciano potrebbe diventare una specie di museo d orsay come a parigi con lab culturali teatrali ed artistici oppure una grande galleria compe a napoli ed a milano con annesso teatro non sarebbe una cattiva idea

  6. Fate proposte invece di fare sempre polemica politica come qualche isolato idiota continua a fare

  7. De Luca junior … De Luca senior etc…. praticamente nel medioevo siamo …. vergogna … Max

  8. Salerno vuole un museo della città: che racconti chi siamo, da dove veniamo e dove andiamo. Un laboratorio culturale, che faccia conoscere Salerno ai salernitani.

  9. Non perdete tempo in proposte inutili. Qui De Luca family e i costruttori la fanno da padrone. Sicuramente sarà preso in considerazione favorevolmente qualche accordo con il padrone (e fa rima) cui le vicine (e magari collegabili) Poste si sono immediatamente aperte e trasformate (solo per ora in parte) a bilanciare scambi di favore e danni .. Crescenti

  10. allora, prefettura e questura si pestano i piedi a vicenda. la prefettura la lascerei zona villa comunale. questura palazzo corso garibaldi o viceversa. università resta al campus…. ormai è una scelta consolidata.

  11. Concordo. L’ex tribunale deve essere ceduto all’Uiversità degli Studi di Salerno, a cui manca un rapporto stretto con il cuore della città per diventare una vera Università, di mare e non di montagna se mi è concessa la battuta. Cosa ne deve fare l’Ateneo? Decide l’Ateneo, ovvio. Senza far polemica, però, ma Piero De Luca a che titolo sta sempre in mezzo?

  12. Ma quali proposte dovremmo fare? Se non collimano con gli affari che fanno loro(I POLITICI)
    è inutile farne.Hanno sovvertito perfino leggi votate dal popolo,vedi vitalizi,e tu mi vieni a
    parlare di proposte?Probabilmente devi essere un politico a cui non piacciono le critiche o un
    semplice benpensante subdolo del sistema…e poi,non la mettere in mezzo SALERNO,perchè
    SALERNO e’ un posto fisso che con gli anni ha visto apparire e sparire persone serie e pagliacci,
    come quelli degli ultimi decenni.

  13. PER SALERNO
    LE PROPOSTE SI FANNO NON TEMERE QUELLO CHE MI PREOCCUPA SONO I PERSONAGGI POLITICI CHE DOVREBBERO ATTUARLA, D’ALTRONDE BASTA VEDERE QUANTI ANNI CI ABBIAMO MESSO PER REALIZZARE IL TRIBUNALE NUOVO , I PRECEDENTI NON SONO EDIFICANTI NON PARLIAMO POI DI ALTRE OPERE E PROGETTI…..

  14. Università per stranieri sulla falsariga di Perugia, Siena e Venezia con spazi dove poter studiare aperti agli studenti salernitani…ma bisognerebbe valutarne l’attrattività. Per quanto riguarda il discorso polo museale: e come lo riempiremmo se abbiamo poco o nulla e quel poco che abbiamo, vd museo archeologico, è in condizioni non del tutto adeguate per non voler essere ipercritici? Certo, si potrebbero far convergere tutte le opere dei vari musei provinciali in un solo punto: villa guariglia, museo arti decorative di nocera, archeologico, pinacoteca, ecc. Ma la vedo alquanto complicata la faccenda.

  15. una mia piccola osservazione ma questo figliolo del governatore capisce di tutto ed e’ in mezzo a tutto?ma se era tanto bravo come mai e’ stato ripescato a caserta per i capelli con l’influenza del padre?

  16. Spazi per i cittadini. Casa della cultura un grande centro con spazi x idee, culture, anche università ma accessibile a tutti. E la presenza di de Luca jr è a dir poco imbarazzante e fa perdere voti e consensi al PD e all amministrazione comunale

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.