“Smart working”: lettera aperta ad Antonello Venditti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
«Gentilissimo Antonello, Le scrivo a seguito della meravigliosa serata che ha regalato alla città di Salerno il 6 agosto, in occasione della Sua più che meritata premiazione al Premio Charlot. Una serata indimenticabile nella quale ha voluto condividere la sua esperienza artistica e umana. Avrà capito che ero presente, essendo una sua grande fan, per l’occasione rientrata dalle ferie appena iniziate.

Mi presento solo perché Le servirà a comprendere meglio il motivo di questa lettera. Mi chiamo Annalisa Frigenti e sono un Dirigente Scolastico, attualmente distaccato al Ministero dell’Istruzione, in quel viale Trastevere che Lei ben conosce, percorrendo il quale, per puro caso, ho avuto modo di incrociarla qualche anno fa, salutandola velocemente ma riuscendo, comunque ad apprezzare il suo tratto cordiale.

Le tante parole che hanno accompagnato la sua musica hanno dato un senso alla serata: ha lanciato messaggi profondi a noi presenti toccando con maestria tematiche quali l’amore, la droga, l’amicizia, la solidarietà  e, non per ultima la scuola.

Come non essere d’accordo con Lei quando, tra gli applausi, ha sostenuto la necessità di tornare al più presto in classe in quanto il rapporto “de visu” col docente, il far parte di un gruppo di ragazzi, la condivisione di momenti di vita che ognuno serberà per sempre nel cuore, non possono assolutamente essere sostituiti dalla didattica a distanza, “così come non è lo stesso ascoltare un concerto non dal vivo”, come ha tenuto, giustamente, a sottolineare, evidenziando il suo silenzio anche sui social in questa fase.

Ho avuto modo di riflettere sull’argomento in alcuni miei scritti e di scambiare, anche nel corso di incontri formativi, alcune opinioni con diversi docenti proprio sulla didattica a distanza – un modo per garantire la presenza e la continuità della scuola in un momento di emergenza. A cominciare dal Ministero, tutti gli operatori del settore sono, ovviamente, impegnati per garantire il rientro in presenza, nonostante le tante difficoltà da affrontare e le grandi responsabilità che ricadranno soprattutto sulle spalle dei dirigenti scolastici.

Una cosa, tra le tante che ha detto, però, mi ha lasciato l’amaro in bocca e, data la stima che ho per Lei, in quanto sua fan da sempre, non riesco a trattenermi dall’esplicitare il mio pensiero.

In molti hanno applaudito quando ha sostenuto – come, purtroppo, tanti in questo periodo- che in questi mesi i dipendenti pubblici in smart working sono stati a casa senza far nulla. Sia chiaro: sono una persona che cerca di guardare in modo oggettivo le cose e per alcune situazioni, probabilmente, non potrei nemmeno darle torto.

Sono stati mesi difficili per chi non ha la fortuna di avere un posto fisso: fabbriche chiuse, negozi fermi, professioni bloccate, per non parlare di cinema, teatri e mondo delle spettacolo; una crisi dalla quale faremo sicuramente fatica ad uscire (sempre con la speranza che questo maledetto virus venga finalmente debellato). Scelte governative difficili ma che, personalmente, ho ritenuto condivisibili nell’ottica della prioritaria tutela della salute.

Lanciare, però, il messaggio che tutti i dipendenti in smart working non abbiano fatto nulla, da parte di una persona che ha milioni di fan e che quindi, più che altri, è in grado di incidere anche sulla pubblica opinione, non credo sia giusto, soprattutto nei confronti dei tanti che hanno continuato a mettere l’anima in quello che fanno quotidianamente perché, come Lei, hanno avuto la fortuna di avere ottimi maestri di vita  (mi creda, ne conosco davvero tanti!).

Sarà che faccio parte del mondo della scuola e, in questa fase più che mai, ho visto i miei colleghi Dirigenti Scolastici rimboccarsi le maniche lavorando senza tregua, senza orari e senza un giorno di pausa (diritto alla disconnessione???)  nemmeno in questo periodo estivo (anzi!!!); sarà che ho visto tanti, ma tanti docenti, industriarsi al meglio per garantire la continuità ai ragazzi e per affiancare soprattutto quelli a rischio dispersione; sarà che, lavorando al Ministero dell’Istruzione, ho potuto constatare di persona la volontà di supportare il sistema (al di là di scelte che possono o meno condividersi); sarà che anche io, abituata da sempre a lavorare per contribuire nel mio piccolo al miglioramento del sistema, avendo, in questa fase, un incarico di tipo amministrativo, sono riuscita, in SMART WORKING, a “produrre” di quanto avrei prodotto in presenza, lavorando non meno di 8/9 ore al giorno per garantire il servizio, contattando ad uno ad uno gli utenti in modo da far sentire la vicinanza della PA al cittadino; sarà che faccio parte del mondo della scuola, un mondo nel quale ancora siamo convinti di poter dare un futuro migliore ai nostri ragazzi  e, comunque, un contributo alla crescita civile, sociale e culturale (come Lei ha potuto già apprendere dall’esperienza umana e professionale di  sua madre, stimata docente), le sue parole mi hanno fatto male.

Non si può e non si deve generalizzare e, ancor di più, credo che non debba farlo Lei, persona onesta, di grandi valori e troppo colta per lanciare un messaggio del genere. So anche, come scrivevo in precedenza,  che lo smart working non ha funzionato per tutti allo stesso modo. Con questa lettera vorrei solo invitare Lei e i tanti che in questo periodo esprimono giudizi sui pubblici dipendenti, a riflettere anche sui tanti vantaggi che tale modalità lavorativa  può offrire, non ultimi quelli legati alla sostenibilità ambientale.

Personalmente apprezzo il lavoro che la Ministra Dadone sta facendo e credo che lo  smart working, anche a prescindere dalle situazioni emergenziali, resti una gran bella sfida da affrontare in un futuro che è ormai già presente: ”una nuova filosofia manageriale fondata sulla restituzione alle persone di flessibilità e autonomia nella scelta degli spazi, degli orari e degli strumenti da utilizzare, a fronte di una maggiore responsabilizzazione sui risultati” secondo  la definizione dell’Osservatorio del Politecnico di Milano che, già in passato, con apposite ricerche,  ha messo in evidenza la convenienza di tale modalità lavorativa.

Una modalità lavorativa che inizia a far intravedere nella PA (finalmente, aggiungerei – e qui credo che Lei sarà d’accordo con me)  una responsabilizzazione dei pubblici dipendenti relativamente al raggiungimento dei risultati nei termini indicati dai singoli dirigenti degli uffici, responsabilizzati anch’essi dal punto di vista della programmazione e, soprattutto del controllo, nell’ottica del perseguimento degli obiettivi di efficacia, efficienza e qualità  ai quali ogni PA deve mirare  e ai quali -credo- Lei giustamente pensava.

Intendo, infine, ringraziarla per avermi offerto la possibilità di riflettere, a seguito di una bellissima serata, su tematiche  di grande rilievo che possono contribuire al dibattito sul futuro del nostro Paese. Con l’ammirazione di sempre».

Annalisa Frigenti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. Ma per quello che ho verificato io avendo avuto a che fare con la pubblica amministrazione in questi ultimi mesi, i tempi di risposta si sono più che triplicati. Per non parlare della qualità del servizio scolastico offerto alle mie figlie, alle elementari, sul quale, se fossimo in un ambito privato, sarebbe stato da fallimento.Credo che la PA, sia lontana anni luce dal poter garantire una migliore efficienza ed efficacia in smart working.

  2. Bellissima e sicuramente onesta lettera della Signora Frigenti, ma dico, alla stessa, che è totalmente inutile (per il destinatario). Il Sig….venditti si è dimostrato più volte un qualunquista e un pressapochista, come quasi la totalità dei testi delle sue canzoni, alcune di una banalità disarmante! Per l’efficienza del lavoro a distanza, dei lavoratori della p. a. ha espresso il suo onesto parere dal Suo punto di vista, purtroppo la realtà è ben diversa (dal mio punto di vista) chi non lavorava in ufficio, da casa ha fatto peggio… ecc..!

  3. in smart working gestendo il mio tempo ho lavorato il doppio con risultati superiore del 70%. Adesso in presenza prendo i miei tempi (pausa 10 min ogni due ore al pc) pausa pranzo e dieci minuti al mattino+ le pause fisiologiche ed i permesssi regolari. Adesso l’utenza aspetta anche giorni per avere quello che chiede e non per colpa mia, in smart working no, si lavorava anche di notte.Voi volete così per pregiudizio ed a me va bene(cane mangia cane) adesso beccatevi la solita inefficienza della burocrazia a tutti i ilivelli. Saluti a tutti quelli che odiano chi lavora per voi

  4. Fatte le dovute eccezioni, buona parte dei lavoratori pubblici prima avevano ritmi blandi (anche paragonando ai ritmi del privato) ma adesso sono praticamente fermi e si prendono lo stipendio al 100%.
    Ed i cittadini subiscono i disservizi…..
    E io pago……

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.