Agropoli, imposta di soggiorno: ancora diverse strutture mancano all’appello

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Il prossimo 20 agosto scade il termine per le strutture ricettive alberghiere, extralberghiere ed all’aria aperta per l’invio della dichiarazione bimestrale e per effettuare il versamento a favore del Comune di Agropoli dell’imposta di soggiorno, riscossa nei mesi di giugno e luglio 2020. Al momento, le iscrizioni al portale Pay Tourist, sistema per la gestione ed il pagamento dell’imposta di soggiorno nel Comune di Agropoli, risultano in crescita, ma il dato è ancora migliorabile.

«Si nota – dichiara il sindaco Adamo Coppola – un incremento di circa il 30 per cento di strutture registrate al portale Pay Tourist rispetto allo scorso anno, ma rimane alta la percentuale di quelle che, pur facendo pubblicità sul web, non risultano essersi registrate. A tal proposito, saranno disposti controlli ad hoc in quanto tutti sono tenuti a registrarsi e ad ottemperare a quanto disposto nell’apposito regolamento».

«Per semplificare al massimo gli adempimenti che gravano sui titolari delle strutture ricettive connessi a tale imposta – afferma l’assessore alle politiche economiche e finanziarie, Roberto Mutalipassi – l’Amministrazione comunale, per il secondo anno consecutivo, ha messo a disposizione degli stessi un apposito portale denominato Pay Tourist utilizzato dall’Ente quale strumento di contrasto all’evasione della stessa.

Infine – conclude –  è doveroso ricordare che il Decreto Rilancio (D.L. n. 34/2020, convertito con la L. n. 77/2020), precisamente il comma 3 dell’art. 18,  aggiunge all’art. 4 del D. Lgs. 23/2011 il comma 1-ter, così recita: “[…] Per l’omessa o infedele presentazione della dichiarazione da parte del responsabile, si applica la sanzione amministrativa dal 100 al 200 per cento dell’importo dovuto. Per l’omesso, ritardato o parziale versamento dell’imposta di soggiorno e del contributo di soggiorno, si applica una sanzione amministrativa di cui all’articolo 13 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 471″».

Sul portale è presente un’apposita sezione che permette di segnalare, in maniera anonima, eventuali strutture ricettive non censite oppure eventuali irregolarità da parte di strutture già registrate.

Riguardo alle modalità di riversamento a favore del Comune si possono utilizzare, alternativamente, il bollettino postale, il bonifico bancario, nonché la delega di pagamento modello F24, indicando il codice tributo 3936 ed il codice Comune A091.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. governi di delinquenti, nazionali e regionali: prima chiudono tutto e poi ti chiedono le tasse come se stessi aperto. la mafia è meglio di voi, almeno non si spaccia per salvatrice del paese

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.